Vacanze 2020 a Km 0

Vacanze 2020

VACANZE 2020, I VIAGGI AL TEMPO DEL COVID

Uno dei settori più colpiti dal Covid-19 è senza ombra di dubbio il comparto turistico.

Il mondo dei viaggi si è completamente paralizzato già da febbraio 2020 quando il virus cominciava a circolare nel nostro Paese, facendo registrare delle perdite economiche importanti.

Dopo un lungo periodo di quarantena e di fermo totale di tutte le attività, la domanda che tutti i viaggiatori ed operatori turistici si pongono è quando e come si tornerà a viaggiare.

Dal 15 giugno c’è stata una parziale riapertura delle frontiere europee, tale data si pone da spartiacque, si può (per il momento) viaggiare solo in alcuni Stati rispettando delle misure di sicurezza atte a prevenire la diffusione dei contagi.

Le norme di sicurezza non giovano al morale dei numerosi viaggiatori o vacanzieri intenzionati a programmare la loro stagione estiva 2020, così come incidono negativamente sull’economia degli erogatori di servizi.

L’estate è iniziata e in situazioni di normalità è già tardi per programmare un viaggio o le ferie d’agosto, ma tutti gli schemi quest’anno sono ormai saltati e ci troviamo davanti a tre diverse situazioni.

C’è chi preferirà restare in Italia, godendo delle bellezze del nostro paese che sono davvero infinite, sfruttando poi le ottime offerte in numerosi resort ed il bonus vacanze che a breve sarà operativo grazie al famoso “Decreto Rilancio”.

Un’altra fetta di pubblico invece, decisamente più propensa ai viaggi all’estero, opterà per una vacanza nella vicina Grecia o paesi limitrofi che man mano stanno aprendo le frontiere in vista della stagione estiva.

In ultimo una terza categoria che non usufruirà di vacanze estive a causa di tutti i problemi economici dovuti al Covid 19.

L’estate 2020 mobiliterà ben 36 milioni di italiani che non rinunceranno alle vacanze estive desiderosi di un ritorno alla normalità, ma tutto ciò avverrà gradualmente.

Viaggiare per il momento è quindi si possibile, ma rispettando tutte le precauzioni del caso e lì dove sarà necessario bisognerà sottoporsi a dei test sierologici o tamponi per l’ingresso in alcuni paesi, come ad esempio ha annunciato il Governo islandese.

In Islanda sarà garantito l’accesso nel paese a tutti i viaggiatori, soltanto dopo che ci si sottoporrà ad un test in aeroporto all’arrivo, a spese del turista, il costo è di circa cento euro.

Queste misure ovviamente non saranno sostenibili nel lungo periodo rappresentando soltanto un compromesso a favore della graduale riapertura agli spostamenti da paese a paese.

Ciò che ora si vorrà trasmettere al viaggiatore è quel senso di sicurezza che incentivi le persone a spostarsi

Il Covid-19 ha modificato le abitudini di milioni di persone, erano anni che in tanti non valutavano l’idea di riscoprire il fascino del proprio paese.

Quest’anno l’Italia è sicuramente la meta preferita dagli italiani, che ricordiamo è un popolo di esterofili.

Le vacanze in Italia da sempre vivono il falso mito di essere care, fuori mercato rispetto ad altri paesi.

L’Italia è un paese che ha diverse sfaccettature:  luoghi esclusivi con prezzi esorbitanti, come Venezia, Capri o Porto Cervo, e ricca di luoghi incantati accessibili a tutte le tasche.

Erroneamente moltissimi viaggiatori tendono a paragonare l’Italia con molte realtà asiatiche, tipo Thailandia oppure con alcuni paesi della fascia caraibica o del centro Africa.

Il confronto non può assolutamente reggere, la vita in alcuni dei paesi asiatici, più amati dai turisti europei, ha un costo nettamente più basso, il confronto è tra due realtà completamente opposte, con una differenza di moneta sostanziale.

L’Italia va paragonata alla fascia dei paesi mediterranei, ovvero Portogallo, Spagna, Grecia, la nascente Albania, Malta ed anche la vicina Francia.

Prezzi piuttosto simili e differenze non così nette come in tanti credono, eccezion fatta per l’Albania che si sta pian piano espandendo offrendo rispetto alle concorrenti dei prezzi più bassi ma con servizi che vanno ancora perfezionati.

L’Italia si candida quindi ad essere la meta preferita degli italiani in questa estate 2020.

Sono molte le famiglie che stanno optando per trascorrere le loro vacanze nei resort di Puglia, Sardegna, Sicilia, Campania, Calabria e Basilicata.

Oppure c’è chi predilige la montagna nelle regioni del nord riscoprendo il fascino della regione alpina.

Il Covid sembra proprio aver modificato (almeno per ora) il modo di concepire una delle tradizioni più sacre per l’italiano medio: le vacanze

Story Teller: Luca Napoleone

LEGGI ANCHE ### SANTA CATERINA: PRONTI A RIPARTIRE. L’HOTEL ICONA DI AMALFI RIAPRE IL 25 GIUGNO

Lascia un commento