Tendenza “con-turbante”, cosa abbiamo in testa?

DI FRANCESCA BEYOUTY

Alla Moira, a corona o a fiore, 3 modi per fare un turbante ed essere très chic!

Orma il cambio stagione è stato fatto. La cernita di abiti, accessori e scarpe che appartengo alla fascia di trend estivi è stata messa da parte nei nostri scatoloni, lasciando spazio a maglioni, jeans e stivali. Ci saranno sempre capi che non passeranno di moda, capi di cui non potrai fare a meno per tutto l’anno. Tra questi ci sono i turbanti che, abbinati al tuo look, donano il loro tocco chic e raffinato. Che siano colorati o a tinta unita, di cotone o velluto, tra i capelli non passano mai inosservati.

Vi siete mai chieste in quanti modi si può usare un turbante?

Ecco tre modelli da realizzare con un semplice foulard tinta unita o a fantasia.

Turbante Moira

Già dal nome si intuisce che il tuo capo ricorderà quello di Moira Orfei. Ideale per chi ha tanti capelli e vuole tenerli a bada, è un turbante che si sviluppa in altezza e, se vuoi un tocco glamour, può essere aggiunta anche una spilla gioiello sulla parte frontale.

Turbante a fiore

Per una donna romantica il turbante a fiore è quello giusto. L’aderenza del tessuto sul vostro capo, per la parte posteriore, darà maggiore risalto alla forma floreale che realizzerete sulla vostra fronte in modo creativo.

Turbante a corona

Pratico e molto veloce da creare, questo tipo di turbante è per la donna che desidera un mood etno-chic. La corona ti farà sentire non solo una regina ma ti regalerà quel tocco particolare abbinandolo magari a un paio di orecchini a cerchio.

Da non dimenticare rossetto, blush e mascara per rifinire al meglio il look.

Ora non vi resta che divertirvi con i vostri turbanti e riscoprire lo stile che appartiene alla vostra personalità!