Tra fiamme e semi, madre natura vive ne “Il Giardino Extraterreno”

I “Semi” e il “Fuoco” sono le eredità che madre natura ha forgiato per i suoi prediletti ne “Il Giardino Extraterreno”.  Un regno, questo, immaginato dall’artista campana Mary Pappalardo, ospite della Galleria d’Arte del Teatro Summarte di Somma Vesuviana fino al 25 marzo con la mostra dal titolo “Il Giardino Extraterreno”.

L’inaugurazione è fissata per oggi alle ore 19, con ingresso gratuito ed aperto al pubblico al quale il teatro di via Roma offrirà un aperitivo di benvenuto. Mary Pappalardo, come donna e come artista, dà un volto a madre natura e per lei elabora scenari biologici. Attraverso le linee che come vene suggestionano lo spettatore, si vive un viaggio speciale, dove i “Semi” della terra sono i veri protagonisti. In essi, infatti, è racchiusa tutta la simbologia rituale dei lavori artistici della Pappalardo. Tuttavia il vero leitmotiv di tutta la sua produzione è il “Fuoco”. Quando questo elemento non c’è direttamente, lo si ritrova nel suo passaggio, là dove ha bruciato, distrutto, scavato… qualche volta la lava si è solidificata in forme suadenti e voluttuose. Le fiamme hanno soprattutto reso fertile la terra e resi visibili quei semi che Mary ingigantisce e ne fa intrigante elemento grafico capace di rivelare porzioni di anima.

Sonia Sodano

Lascia un commento