#TEST Guardate bene le immagini e rispondete alla domanda

Oskar Arngarden

Oskar Arngarden

Chi è il giovane in foto?

  • a) Un attore americano
  • b) Il fidanzato segreto di Lady Gaga
  • c) Un prete svedese

Non ci crederete ma la risposta esatta è la “C”: lui si chiama Oskar Arngarden, ha 35 anni e da come si legge dal suo profilo Instagram è un “Lutheran priest in the Church of Sweden, with a big passion for training” (prete luterano della Chiesa della Svezia con una grande passione per il training).

Ogni giorno attraverso il suo profilo social aggiorna i suoi 160mila follower sulla sua vita tra salmi, battesimi e faticose sessioni di CrossFit.

Muscoloso, alto, biondo Oskar celebra Dio attraverso il suo corpo: sulla gamba ha tatuato in ebraico una frase del Salmo 23 “Il Signore è il mio pastore, non manco di nulla”.

“A 14 anni già sentivo di voler diventare prete ma erano pensieri poco chiari, così ho iniziato a studiare e lavorare nel settore della salute e del fitness. La vera vocazione, la chiamata al sacerdozio è arrivata forte a 22 anni”.

Oskar Arngarden

Così Oskar ci parla della sua vita da “prete più sexy del mondo”, soprannominato così dalla stampa dell’intero pianeta.

“Non volevo essere così popolare e mi concentro semplicemente su ciò che posso fare per aiutare le persone a vivere una vita più sana, sia fisica che spirituale. Devo dire che questo clamore ha portato tante persone ad avvicinarsi alla Chiesa ma anche ad uno stile di vita più corretto. Questo mi rende felice”.

Una vita divisa tra sport e Bibbia che potrebbe in qualche modo scardinare una vecchia immagine di “sacerdote” decisamente anacronistica e come chiarisce Oskar “potrebbe anche aiutare a sfumare l’immagine di cosa significhi essere un prete e colmare il distacco tra le persone e la chiesa”.

Una popolarità sui social network che è stata apprezzata dagli altri pastori e sacerdoti. “Come chiesa, dobbiamo avere un piede nella Bibbia e un piede nel presente. Dobbiamo pensare a come utilizzare al meglio le nuove tecnologie per raggiungere quante più persone possibili, giovani e meno giovani. La Chiesa deve costantemente mettere alla prova il suo messaggio e la sua identità”.

Story Teller: Giovanni Salzano

Oskar Arngarden

LEGGI ANCHE ### “L’OMOFOBIA È UNA MALATTIA, CURATEVELA”, VLADIMIR LUXURIA SI RACCONTA IN 12 “CANCELLETTI”.

Lascia un commento