Star Wars Day: a Celebration!

May the fourth be with you – che il quattro maggio sia con te – ! 

È questo il motto che accompagna lo Star Wars Day, che da alcuni anni – il primo fu a Toronto nel 2011 – si celebra proprio il quattro Maggio, per l’assonanza con una delle frasi più rappresentative della saga: “May the Force be with you”, in italiano tradotta come “Che la Forza sia con te”. 

Anche per il 2018, nell’attesa dei nuovi film – il 23 maggio esce in Italia “Solo: a Star Wars Story”, la pellicola che racconterà la giovinezza della canaglia stellare, originariamente interpretata da Harrison Ford – sono tanti gli eventi che accompagnano la ‘festa’. 

Ruolo centrale per le città di Napoli e Caserta, già protagoniste nella saga attraverso le sequenze girate nella Reggia vanvitelliana per la trilogia prequel. Tra gli eventi previsti in questo 2018: alle 17.30 del 4 maggio a Napoli, partirà da piazza del Plebiscito una parata inaugurale a tema “Star Wars” mentre, il 5 maggio, i festeggiamenti si sposteranno a Caserta per un’altra celebrazione in costume.

Curiosità vuole però che, in questa seconda data, si celebri il lato oscuro della Forza – quella di Darth Vader e degli altri Sith, per intenderci – al grido di “Revenge of the Fifth”, che richiama il titolo di Star Wars ep. III.

Dulcis in fundo, il 6 maggio si torna a Napoli e, in particolare, al Museo Archeologico Nazionale per la mostra “MANN Hero“. Le statue degli eroi incontreranno l’epica di ‘una galassia lontana lontana’ in una contaminazione di generi che hanno molto più in comune di ciò che si possa pensare. Per l’occasione, l’Atlante della Sala della Meridiana sorreggerà la Morte Nera e l’Ercole Farnese sarà affiancato da Darth Vader. La saga degli Skywalker, così come pensata da George Lucas, ha origine proprio dalle storie di quegli eroi che riempiono le notti insonni di chi, in Italia, ha intrapreso studi classici. Che l’accostamento riesca a rendere agli studenti più lieve l’arduo compito? Solo il tempo saprà rispondere, intanto è giusto ‘fare o non fare, non esiste provare’.

Emma Di Lorenzo