Plants Play: rilassarsi ascoltando i suoni della natura

I Fondatori di Plants Play

Plants Play

Ascoltare il suono delle piante, sintonizzarsi sul loro bioritmo e immergersi in una dimensione di straordinario impatto emotivo.

Non è fantascienza ma Plants Play, l’unico dispositivo al mondo in grado di rilevare e convertire le variazioni elettriche delle piante in note musicali e di inviarle in tempo reale tramite bluetooth all’App per smartphone.

Partorito delle menti creative di Edoardo Taori e della sua compagna, Federica Zizzari, Plants Play pone la tecnologia al servizio della natura per operare un’inversione di tendenza.

«Stiamo vivendo in un’epoca in cui è sotto gli occhi di tutti il disastro creato da una mentalità estremamente antropocentrica – spiega Edoardo – la nostra qualità della vita sta diminuendo e stiamo rischiando di compromettere il nostro futuro e quello di migliaia di altre specie viventi.

Plants Play

Ormai la tecnologia è parte di noi ma è diventata anche sinonimo di allontanamento e distruzione della natura. Noi invece abbiamo un’altra visione della tecnologia, come supporto di una vita di benessere collettivo che metta il rispetto della natura al centro dell’esistenza». 

Plants Play nasce dalla voglia di dare la possibilità a chiunque di vivere l’esperienza della musica delle piante in maniera semplice e intuitiva.

Parte da una giovane coppia, innamorata della musica, che ha deciso di lasciare i seducenti bagliori della metropoli per trasferirsi in Salento e vivere una vita più sostenibile.

«Circa cinque anni fa iniziammo una serie di viaggi tra India, Nepal e Isole Canarie – continua Edoardo – per registrare, con dei dispositivi di biofeedback, la musica di alberi e piante ritenute straordinarie dalle popolazioni di quei luoghi.

Questo progetto si chiamava “Viaggiando nel Canto degli Alberi” e fece nascere un libro, un cd, delle carte divinatorie e un documentario a testimonianza di quei fantastici viaggi dove natura e misticismo si fondevano in una esperienza totalizzante».

Plants Play

In quel periodo si creò una comunità di persone sui social che seguivano finanziavano le avventure della coppia. Un giorno capirono che era arrivato il momento di dare a tutti la possibilità di vivere l’esperienza della musica delle piante poiché fino a quel momento gli strumenti in commercio erano costosi e complessi. 

Ma dall’intuizione alla realizzazione il passo è lungo. Superata la fase più divertente del processo creativo, bisognava pensare al modo migliore per distribuire  il prodotto sul mercato.

Così Edoardo e Federica mettono in piedi un team operativo, ci investono tutto ciò che hanno, tempo compreso, e riescono anche a fare rete potendo contare sul supporto di una comunità di persone disposte ad acquistare il dispositivo a un prezzo lancio in una campagna di crowdfunding.

La musica che genera il regno vegetale è lenta e delicata, educatori e insegnanti possono utilizzarla per arricchire eventi, seminari e attività per adulti e bambini. È perfetta per musicoterapia, massaggi, medicina alternativa, yoga e meditazione.

IL SUONO DELLE PIANTE

StoryTeller: Francesca Panico

LEGGI ANCHE ### “ROSA” IL VINO IN PASSERELLA DOLCE&GABBANA

Lascia un commento