Millennial, il pupillo di Cantina Maranto

Millennial -Antonio e Marika
Millennial -Antonio e Marika

Millennial, il vino della generazione Y

Antonio Giugliano, classe 1996, è l’enologo della Cantina Maranto, di cui è anche patrón, e sommelier 3° livello, nonché un agrotecnico esperto che presta la propria consulenza agli istituti professionali agrari.

MILLENIAL-Cantina Maranto - Antonio Giugliano
Cantina Maranto – Antonio Giugliano


Bordeaux, nella nota regione vinicola francese, Antonio ha imparato l’arte del blending, sviluppando una naturale propensione per i vini rossi. Gli otto mesi in Nuova Zelanda, a stretto contatto con un wine business d’avanguardia, gli consentono invece di imparare i segreti per la gestione di successo di un’azienda vinicola.

La Cantina Maranto, con l’unica sede in provincia di Napoli, è il frutto di una passione diventata una professione di tutto rispetto. Ma è anche un progetto di vita che Antonio ha condiviso sin dall’inizio con la sua compagna, Marika Vallefuoco

Le caratteristiche di Millennial

La prima vendemmia risale al 2019; i vigneti, piantati nei terreni del Comune di Terzigno, si nutrono, letteralmente, della vicinanza al mar Tirreno e della presenza del Vesuvio.

Il suolo vulcanico, ricco di magnesio, fosforo e potassio, conferisce al vino un’autentica mineralità gustativa.
Il clima mite, contribuisce “alla fissazione degli aromi e degli acidi all’interno di ogni singolo acino di uva”. Millennial è il pupillo di Cantina Maranto, un Piedirosso 100% Pompeiano IGT.
Antonio Giugliano promuove una monoproduzione di vino rosso, abbastanza recente, ma di eccellenza, a cui intende riconoscere il talento di un grande pinot nero.

I vasi vinari di Millennial sono in cemento armato – spiega Antonio Giuliano – un materiale inerte che favorisce una decantazione del tutto naturale; pertanto il vino non risulta “nervoso” ma più pulito e morbido.

Millennial -Antonio e Marika
Millennial


I profumi e i sapori di Millennial

Millennial è un vino unico nel suo genere: assetato di novità, proprio come la generazione Y, che intende celebrare; ma anche ben radicato nella sua terra d’origine, che ammira e in cui trova ispirazione.

Millennial si presenta al naso aperto e pronto, con profumi di frutta rossa, la ciliegia in primis, all’ingresso; e sentori speziati, di pepe nero in grani e chiodi di garofano, in chiusura. 

Millennial viene servito a una temperatura compresa tra i 16 e i 18°C, preferibilmente in un bicchiere che non deve essere largo bensì avere un’imboccatura che tende ad aprirsi, per degustarlo senza la necessità di decantarlo prima.

L’abbinamento gastronomico ideale, anche se non convenzionale ma comunque sorprendente, vede il Millennial accostato a un filetto di salmone affumicato. Stilizzato, moderno, vulcanico, innovativo, evoluto: il Millennial di Cantina Maranto irrora un mercato enologico di lusso

#STORYTELLER: GIANFRANCO VITALE

CLICCA QUI PER SFOGLIARE LA VERSIONE DIGITALE #SPECIALE #ETICO

SCOPRI IL NUOVO SPECIALE #ILLUMINATO DI #3D MAGAZINE

ORDINA LA TUA COPIA

#ISSUE22 #SPECIALE #ILLUMINATO

.