Mangiare sano spendendo poco

Vi starete chiedendo se questo non sia un sogno irrealizzabile, invece è vero, potete veramente mangiare sano senza spendere una fortuna! Come fare? Basta fare acquisti mirati, nei posti giusti, valutando le quantità e i prezzi al kilogrammo. Vediamo come riuscire ad arrivare con il portafoglio ancora pieno a fine mese e con buon cibo in tavola.

Prima regola: evitate gli alimenti precotti e confezionati. È vero, direte, si risparmia tempo e pulire la verdura è un’operazione seccante, ma ci avete mai pensato a quanto costa una busta di insalata? Ci sono quelle da 1 euro, giusta osservazione, ma quanto pesano? Molte buste di rucola non superano i 100 grammi, il che vuol dire che senza essere grandi matematici arriveremo a calcolare che quella piccola busta di insalata ci è costata 10 euro al kilogrammo. Ci avevate mai pensato? Lo stesso prezzo al quale potete acquistare un’intera lattuga fresca e conservarla più a lungo, oltre ad essere sicuri di poter gustare una vera insalata, che sappia di verdura fresca e non di un sacchetto di plastica! Vale lo stesso per qualsiasi verdura: broccoli, cavolfiori, spinaci, comprateli freschi ed evitate i surgelati, costosi e privi di molti nutrienti, o i già puliti e pronti al consumo, che spesso durano poco e nella cottura riducono a poche foglie spelacchiate. In linea di massima, che si tratti di frutta, verdura o legumi, la scelta più salutare e a meno impatto ambientale ed economico è quella di optare per prodotti a km zero, acquistati direttamente da piccoli produttori o comunque in mercati rionali, che accorciano la filiera e riducono gli intermediari commerciali, assicurandovi prodotti di giornata e una relazione di acquisto più umana. Tenetevi alla larga, dunque, anche dai piatti pronti o da quelli che vanno inseriti nel microonde. Tutti questi alimenti salva-tempo presentano quantitativi di sale nascosto impensabili, sono conditi con grassi di incerta provenienza, spesso sono realizzati con materie prime industriali e scadenti e hanno prezzi molto elevati in relazione a quanto vi offrono.

Imparate ad apprezzare il tempo impiegato in cucina, cogliete i profumi dei cibi appena tagliati,Market i colori, gli aromi: preparare il vostro piatto vi aiuterà a gustarvelo anche in maniera più consapevole, mettendovi a riparo da pericolose abbuffate di cibo spazzatura. Amate il vostro cibo prima di mangiarlo, curatene i dettagli e la preparazione e il vostro palato, ma anche tutti i sensi, vi ringrazieranno. Se includete la carne e gli affettati nella vostra dieta saprete bene che i prezzi di questi alimenti possono arrivare alle stelle. Attenti alle confezioni sottovuoto, spesso rappresentano un grosso business per le aziende produttrici, ma per voi una grossa perdita di denaro e di gusto. Fare la fila al banco salumi o dal macellaio può essere seccante, ma quei pochi minuti spesi vi faranno guadagnare sul conto a fine mese e sul vostro gusto a tavola. Non crediate che un prosciutto affettato il mese scorso possa avere lo stesso sapere di un taglio appena affettato; ma poi volete mettere poter scegliere il pezzo che preferite? Siate attenti anche con i latticini, se potete scegliete anche stavolta i piccoli caseifici e i prodotti tipici della vostra regione. Di sicuro acquisterete prodotti più freschi e porterete in tavola sapori genuini, meno conservati e dal gusto inimitabile.

Mangiare sano e in maniera responsabile è anche questione di avanzi. Per quanto potete, evitate di farne, comprate le giuste quantità, riflettete bene e preparate sempre una lista della spesa per non cadere in tentazione e riempire le buste di cose che in realtà non riuscirete a consumare per tempo. Gli italiani fanno sempre più avanzi e con queste vivande si potrebbe veramente sfamare un intero paese. Ma ancora, tutto ciò pesa sul bilancio economico! Credetemi, abbandonate la vostra avidità quando siete a fare la spesa, comprate il giusto e se qualcosa avanza cercate delle ricette alternative in cui inserire questi cibi in sovrappiù.

Avete mai pensato ad un minestrone con tutti gli avanzi di verdura, ad una pasta mista fatta della fine di vari pacchi di pasta o a dei crostini artigianali preparati con del pane raffermo? Divertitevi a creare i vostri piatti con quanto vi resta ed avrete una dieta equilibrata se partirete sempre da materie prime di qualità. Siete voi a fare la differenza, voi i soli a poter scegliere di farvi del bene. Iniziate fin da subito!

 

Flavia Bizzarro

Lascia un commento