Le uova Fabergé: il gioiello realizzato alla corte dello zar di tutte le Russie

Le Uova Fabergé

Le uova fabergé

Era il 1885 quando prese il via la creazione della preziosa e celebre serie di cinquanta uova di Pasqua per la famiglia Imperiale russa, create da Fabergé, la rinomata casa di gioielleria gestita allora da Peter Carl Fabergé, i cui lavori proseguirono fino al 1916.

Oggetti d’arte di raffinata bellezza, da considerare le ultime commissioni di pezzi da collezione di tale valore, che nell’immaginario collettivo sono indissolubilmente legate alla gloria e al tragico destino dell’ultima famiglia Romanov. 

Quando l’imperatore Alessandro III, consigliato dallo zio, il Granduca Vladimir, affidò alla già nota gioielleria russa Fabergé, la creazione di un uovo di Pasqua come regalo per la festività, da donare a sua moglie, l’imperatrice Maria Feodorovna. 

Un’intuizione che ancora oggi cattura l’attenzione degli osservatori, amanti del bello, trasformando l’oggetto, inizialmente progettato per contenere un anello di diamanti, nella versione finita e famosa nel mondo che includeva un ciondolo di rubino di grande valore. Intramontabile la manifattura la ritroviamo ancora oggi, e non solo nell’antica collezione, ma in straordinari ciondoli gioiello contemporanei, seppure di chiaro richiamo imperiale, che continuano a far sognare. 

Con la collezione Heritage infatti, che si ispira ai capolavori Fabergé, si cattura raffinatezza, ricchezza culturale e perfezione tecnica, in una parola la tradizione. 

Le uova così realizzate sono di design e bellezza classica, smaltate all’esterno in diversi colori e base in oro rosa o bianco, con diamanti o smeraldi, e sempre con una sorpresa preziosa all’interno, che rappresenta un piccolo animale gioiello stilizzato, scimmietta, elefante, gallina o serpente, evocando il passato in linea con la passione per il piacere, la sorpresa e la scoperta.

Annalisa Tirrito

LEGGI ANCHE ### BALLIAMO INSIEME A SUPPORTO DI #NOICONGLIINFERMIERI

Lascia un commento