La stella verde: le novità della guida Michelin 2021

LA STELLA VERDE DELLA GUIDA MICHELIN

La Guida Michelin nata come guida distribuita gratuitamente con lo scopo di rendere più piacevole un viaggio, con consigli su dove fermarsi a mangiare o pernottare, oggi è una pregiata e iconica valutazione di qualità che anche in questo burrascoso 2020, regala soddisfazioni.

Con un lavoro iniziato prima del lockdown, proseguito quando le acque si sono fatte più chiare, gli ispettori, in giro per l’Italia a scoprire e confermare talenti, sono riusciti a completare il lavoro della 66sima edizione della guida rossa.

In Campania si uniscono alla prestigiosa costellazione targata Michelin tre nuovi ristoranti.

Il Lorelei di Sorrento guidato dallo chef Ciro Sicignano e il Relais Blu nel comune di Massa Lubrense con a capo lo chef Alberto Annarumma.

A Nola la stella trova casa al Re Santi e Leoni grazie alla tecnica dello chef Luigi Salomone.

Dopo un’edizione 2020 non favorevole alla Campania, il 2021 la regione torna sulla strada del successo con ben 6 ristoranti pluristellati.

Due novità assolute: la campionessa Federica Pellegrini Nuova ambassador Michelin e l’introduzione della sorprendente Stella Verde.
STELLA VERDE GUIDA MICHELIN

La Pellegrini che si appresta a raggiungere Tokyo il prossimo anno per le Olimpiadi 2021, si è mostrata entusiasta per la Stella Verde, il nuovo premio dedicato alla sostenibilità dei ristoranti.

La Stella Verde va a quegli chef che hanno saputo coniugare cose come la genuinità contadina con la creatività.

La Guida Michelin vuole fare da cassa di risonzanza e far conoscere al grande pubblico l’impegno degli chef che hanno fatto scelte sostenibili, perché siamo convinti che possano fare la differenza da questo punto di vista.

– spiega il direttore della guida Gwendal Poulec –

Le stelle verdi 2021 della Guida Michelin:

  • Mariangela Susigan, Risorante Gardenia
  • Alfonso ed Ernesto Iaccarino, Ristorante Don Alfonso 1890
  • Massimo Bottura, Osteria Francescana
  • Caterina Ceraudo, Dattilo
  • Piergiorgio Siviero, Lazzaro 1915
  • Antonello Sardi, Virtuoso Gourmet
  • Pietro Leeman, Joia
  • Davide Oldani, D’O
  • Fabrizio Caponi, I’cioco osteria di Suvereto
  • Igor Macchia, Casa Format
  • Norbert Niederkofler, St Hubertus
  • Franco Malinverno, Caffè La Crepa
  • Roberto Tonola, Lanterna Verde

#STORYTELLER: DAVIDE MILONE

SCOPRI LO SPECIALE #ETICO DI #3D MAGAZINE #ISSUE21

ORDINA ORA E RICEVERAI A CASA LA COPIA IN OMAGGIO

Lascia un commento