Katia Incitti e i suoi consigli per un make up perfetto

katia Incitti e i suoi beauty tips
katia Incitti e i suoi beauty tips

Katia Incitti

Romana nel cuore e amante della bellezza naturale, make up artist da trent’anni, Katia Incitti si racconta e ci racconta qualche segreto del suo mestieredal make up all’importanza della cura della pelle. 

Ha truccato per la Nuova Fiera di Roma, Miss Italia e Roma Sposa

katia Incitti

Katia Incitti racconta da dove nasce questa grande passione

Mi piacciono le cose belle. 

Amo la bellezza in ogni sua forma.

Quando ero piccola, il mio sogno mel cassetto era fare l’indossatrice.

Volevo stare sotto i riflettori.

Oggi posso dire di aver coronato questo desiderio: quando vedo una modella truccata da me sfilare in passerella mi sento profondamente realizzata.

È come se una parte di me si esibisse con lei; e infatti è così

Katia Incitti
katia Incitti e il suo Make Up

Quali sono stati i primi passi nel mondo del make up?

All’età di vent’anni, dopo aver messo al mondo mia figlia, ho conseguito il diploma da estetista.

Poi, verso i ventisette, ho frequentato l’accademia di trucco professionale.

Oggi, grazie ai social e all’enorme disponibilità di contenuti in rete, ormai molte persone imparano da autodidatte. Qualè il tuo pensiero a riguardo?

Credo fortemente nei giovani e nella tecnologia – pur non avendone dimestichezza.

Quindi sì, perché no.

Ma teniamo sempre a mente che per esperienze professionali importanti bisogna avere le giuste competenze anche su carta, quindi io consiglio sempre di conseguire diplomi o certificazioni.

Ti piacevalorizzare la bellezza naturale delle tue clienti, senza appiattire la particolarità dei loro tratti somatici, ma creando proporzione dove serve. Come crei armonia nei lineamenti del viso?

Innanzitutto cerco di capire quali sono i tratti che si vogliono evidenziare o attenuare.

Ad esempio, se si ha un occhio piccolo, bisogna evitare di applicare matite di colore scuro nella rima interna dell’occhio, per evitare di rimpicciolirlo ulteriormente.

Il trucco sta nello sfumare la matita in prossimità delle ciglia. Allo stesso modo, per non dare l’effetto di restringere l’occhio, l’ombretto scuro non va applicato sulla palpebra mobile, ma un po’ più sopra, sulla palpebra fissa! 

All’interno, vicino al condotto lacrimale, uso sempre un po’ di illuminante.

Si creerà un punto luce che aprirà lo sguardo.

Provare per credere.

Il make up a volte fa miracoli, e credo che su questo siamo d’accordo. Ci sveli qualche segreto?

Per correggere bisogna sempre fare un gioco di chiaroscuro: è importante saper illuminare e allo stesso tempo dare profondità.

Io utilizzo un correttore più chiaro nella parte in basso dove c’è l’occhiaia, per capirci; nella parte rigonfia, invece, applico una tonalità più scura.

Katia Incitti

I prodotti che usi variano a seconda dell’età della tua cliente?

Una pelle più matura deve evitare prodotti compatti e usare fondi liquidi.

È necessario che il prodotto non si vada a depositare nelle pieghe della pelle.

In entrambi i casi, che la cliente sia giovanissima o che sia un po’ più in là con gli anni, io non amo appesantire con il make up.

Katia Incitti

#STORYTELLER: BENEDETTA SABATANO

CLICCA QUI PER SFOGLIARE LA VERSIONE DIGITALE #SPECIALE #ETICO

SFOGLIA LO SPECIALE #ILLUMINATO DI #3D LATO YIN #COVERSTORY ACHILLE SCUDIERI

SFOGLIA LO SPECIALE #ILLUMINATO DI #3D LATO YANG #COVERSTORY FRANCO SILVESTRO

ORDINA LA TUA COPIA CARTACEA

#ISSUE #SPECIALE #ILLUMINATO