Indossi queste 5 cose? Sei un uomo da evitare. Donne scappate!

Sono loro. Quelli a cui pare che non devi chiedere nulla perché credono di darti tutto e sono convinti di essere perfetti. Quegli uomini che hanno l’ego smisurato ma che all’esterno peccano, eccome se peccano. Altro che non chiedergli niente: la prima cosa che una donna dovrebbe chiedergli è quella di andarsi a cambiare.

Si, perché queste sottospecie di bipedi camminano per la città cavalcando la convinzione di essere strafighi ma ignorando che quella cosa lì proprio non se la dovevano mettere, per preservare la loro sudata reputazione in ambito fashion.

Ecco quindi 5 identikit dell’uomo da evitare se indossa queste cose.

La cravatta – E non si parla della cravatta in sé, perché quella è sempre ben accetta. Il problema si pone sulle proporzioni. Un uomo dalla stazza importante non può indossare una cravatta slim, altrimenti prendi il frustino di 50 Sfumature e legatelo al collo. Si fa prima. Stessa cosa vale per i più bassini: attenzione alle lunghezze! Non vorrete che il triangolo della cravatta vada a posarsi proprio lì, in zona pacco di Affari Tuoi, perché saranno propri brutti affari. La freccia potrebbe anche indicare #quinonc’ètrippapergatti  Il pacco è servito!

Il giaccone oversize – Vada per le donne, la tendenza vuole così. Ma per l’uommenswear magazine 3Do è NO su tutti i fronti. Il giaccone di ventordici taglie in più, ma nemmeno se ti chiami Brad (o forse si?). Della serie “mi devo arrotolare le maniche perché mi si vedono solo i polpastrelli” oppure “ops, stavo inciampando nell’orlo”. Classici dell’uomo senza gusto. Se poi è impermeabile, che qualcuno gli dia fuoco.

Super modernità – Stampe come se piovesse, risvoltini così risvoltati che sembrano salsicciotti e così corti che a confronto Sampei ha i pantaloni con lo strascico. E poi cappellini di lana con scritte improbabili (#ansia #fuck #unique ma anche la squadra del cuore e la città visitata di recente) che chissenefrega di ciò che vuoi comunicare al mondo. Sicuramente stai comunicando disagio. Un po’ di classe, in medio stat virtus, suvvia!

La camicia che tira – Vedo qualcosa di anomalo. No, non è un effetto ottico: quei triangoli orizzontali sono proprio pezzi di tessuto che tirano ai lati dei bottoni. Alla larga questi tipi. Rappresentano la sciatteria in persona per due motivi: il primo è che non hanno la costanza e l’amor proprio di alzarsi da tavola e il secondo è che non si degnano nemmeno di comprare una camicia più grande. Tirchieria o pigrizia, male in entrambi i casi.

Calzino di spugna – C’è altro da aggiungere?

 

Mariagrazia Ceraso