“IN CAMPANIA MI SENTO A CASA”. PENELOPE CRUZ TESTIMONIAL DI CARPISA INCANTA ALLA REGGIA DI CASERTA

Al bando i divismi. Insegue l’ideale della donna “normale” la star premio Oscar Penelope Cruz, testimonial del gala dinner promosso dal brand Carpisa alla Reggia di Caserta per la presentazione della nuova campagna. Lei che di bellezza se ne intende rivela di tenere molto più alla salute che all’aspetto estetico e invita a rintracciare il concetto di beltà racchiuso in ognuno di noi e “alla portata di tutti”. L’attrice, che ha contribuito anche artisticamente alla nuova collezione Carpisa, è ritornata alla Reggia di Caserta dopo lo shot fotografico dello scorso maggio in un evento esclusivo che ha riunito il mondo del glamour, artisti e esponenti delle istituzioni.

La Cruz in Campania si sente “a casa”, entusiasta di Napoli e del suo vigore folcloristico. Raccolta in un Ralph14247616_10208988133134968_1099629056_o (1) Lauren punteggiato di farfalle luccicanti ha sfilato con il presidente di Carpisa Lello Carlino e con Gianluigi Cimmino, ceo di Carpisa e Yamamay, dinanzi ad un parterre d’eccezione sul red carpet disteso lungo tutte le navate centrali della residenza borbonica. Ha scelto di sposare il marchio perché “è un prodotto di gusto, realizzato con ideali di famiglia”. In un momento in cui un nuovo senso civico ed estetico assale gli imprenditori di tutto il mondo, che scelgono monumenti da valorizzare come set per campagne pubblicitarie, anche lei dà il suo contributo posando nella Reggia per la nuova collezione Carpisa. «La moda – dice – deve abbracciare un concetto di bellezza che sia legato alla naturalezza. In non guardo ai luxury brand ma alla qualità. La bellezza è qualcosa di normale, ognuno è bello ed è un concetto rintracciabile in ogni ambito».

Che badi all’essenziale lo dimostra anche la scelta di occuparsi della salute prima di tutto: «Mi preoccupa prima di ogni cosa – rivela – Provo a mangiare sano, mi piace cucinare e mangio radice di curcuma». Presenti all’evento molti vertici dell’industria campana: Gianni Punzo, arrivato accompagnato dal presidente di Pianoforte holding Carlo Palmieri, Costanzo Jannotti Pecci, Ambrogio Prezioso, Francesco Tuccillo con Antonella Nardone. E ancora la famiglia Funari e i Galiano, Massimiliano Rosolino, che è stato testimonial per il gruppo. Il sottosegretario ai Beni Culturali, Antimo Cesaro e Raffaele Cercola, con un gruppo di selezionatissimi ospiti, sono alla cena nel vestibolo superiore insieme con la Cruz.

Francesca Cicatelli