Furberie da Saldi: come riconoscere una truffa e fare l’affare del secolo

In pieno periodo di Saldi, ci si domanda quanto possa essere conveniente acquistare un determinato oggetto tecnologico piuttosto che un capo d’abbigliamento o un accessorio. Le furberie da saldi da parte dei commercianti sono dietro l’angolo e spesso si incorre in quelle che sembrano offerte di cui approfittare ma, in realtà, abusano dell’inesperienza e della buona fede del compratore.

Molto più frequente negli esercizi commerciali “fisici” che in quelli online, dove tutto è facilmente tracciabile e controllabile, la modifica dei prezzi al ribasso e i trucchi per ingannare il cliente, sono tantissimi. Di seguito vi elenchiamo alcuni piccoli accorgimenti da prendere nel caso di acquisto durante i saldi.

PRIMA DELL’ACQUISTO

È bene fare un po’ di sano window watching prima della messa in saldo e cercare di segnare il costo Young-woman-shoppingdell’oggetto del desiderio. In questo modo si potrà confrontare facilmente il prezzo segnato con quello attuale. Nella maggior parte dei casi sarà corrispondente e il saldo sarà reale, ma è meglio non fidarsi troppo.

Un buon modo per capire se il saldo in questione è corretto o meno, è quello di cercare lo stesso prodotto online. Sia sul sito del marchio che su e-shop generici. Se si è fortunati, si potrà confrontare il vecchio prezzo reale (molto spesso ancora segnalato online) con quello del negozio in cui si vuole comprare.

DURANTE L’ACQUISTO

Controllate bene che sotto l’etichetta non ce ne sia una  precedente. La velocità e la superficialità di alcuni commercianti è così palese che, spesso, rischiano di non coprire bene la vecchia etichetta con il prezzo precedente. Così lasciano intuire a un attento acquirente, la possibile frode. Quindi occhi ad infrarossi!

Diffidate del gran numero di capi esposti e messi in saldo. Nella maggior parte dei casi, saranno giacenze di magazzino invendute. Il commerciante ha tutto il vantaggio di vendere i capi in avanzo, sopratutto di vecchie collezioni. Una rapida occhiata al sito del marchio di riferimento può aiutare.

 

Mariagrazia Ceraso

Lascia un commento