Estate, tempo di eroi: sei più Spider-Man o Wonder Woman?

Caro lettore, so cosa stai pensando: sei in spiaggia e, scorrendo distrattamente la tua newsfeed Facebook sei incappato in questo articolo sui supereroi protagonisti dei film in sala… Recensione? No, fa troppo caldo: oggi un test sostituirà il solito articolo!

Il tema? “Sei più Spider-Man o Wonder Woman?”, altrimenti detto: dimmi chi sei e ti dirò quale film nerd  fa per te.

Iniziamo!

  • Quanti anni dimostri?
  1. Non si chiede l’età ad una signora! (Ma li porto bene…)
  2. Quasi 15!
  3. Jarvis, quante candeline ho spento al mio ultimo compleanno?
  • Sei fidanzato/a?
  1. Cos’è un fidanzato?
  2. Bè, c’è una ragazza che mi piace, ma…
  3. Pepper, caccia via questi ficcanaso. Non ho indetto conferenze stampa!
  • Ti piace il gioco di squadra?
  1. a) No comment.
  2. b) Sì! Vorrei essere un Avenger!
  3. c) Un tempo, forse…

4) Dove vorresti vivere?

  1. a) In un’isola popolata da sole donne, invisibile su ogni mappa.
  2. b) A New York.
  3. c) La ‘a’ non mi dispiaceva, ma in realtà… non mi dispiacerebbe un grattacielo privato ipertecnologico.

5) Se potessi vedere un tuo desiderio realizzato, cosa chiederesti?

  1. a) La pace nel mondo.
  2. b) Essere più sicuro di me.
  3. c) Soldi, potere e bellezza, ma li ho già.

Profilo A:

Se la tua risposta prevalente è stata “a”, complimenti: sei Wonder Woman! Forte e coraggiosa, non conosci la paura, ma neanche il mondo. La tua interprete, Gal Gadot, è di una bellezza sovrannaturale e, con 700 milioni di dollari guadagnati al box office mondiale, rappresenti il film con il maggiore incasso tra quelli diretti da una donna, nello specifico Patty Jenkins. Peccato che, nonostante si sia urlato al miracolo post- femminista, tu sia arrivata tardi di oltre 20 anni. L’eroina apripista del genere ‘non ho bisogno di maschi, so difendermi da sola’ si chiamava Buffy, l’ha inventata Joss Whedon nel 1992 e di mestiere faceva l’ammazzavampiri. Ed era anche più simpatica… La colpa però non è tua: la DC ha ancora tanta strada davanti a sé. Speriamo la percorra in fretta!

Profilo B: Hai risposto quasi sempre ‘b’: sei Spider-Man! Una boccata d’aria fresca in un universo che sembra migliorare, e sperimentare, diversificando ogni film. Con te l’ennesimo salto di qualità: dopo l’ottimo Captain America: Civil War, Spider-Man Homecoming va oltre, aggiungendo ironia e restituendo il personaggio del fumetto, molto più che nel caso dei film precedenti, con Tobey Maguire e Andrew Garfield nei panni dell’Uomo Ragno. Entri nell’universo Marvel degli Avenger con il volto imberbe di Tom Holland, il tuo antagonista è Micheal Keaton, ancora convincente come uomo – uccello, e il tuo mentore è Iron Man, ancora interpretato ancora da Robert Downey Jr. Si torna alle origini, ma senza grandi poteri o grandi responsabilità, evitando persino di mostrarci l’Episodio doloroso della tua adolescenza. Che dire? Grazie di esistere, quindicenne insicuro e alla ricerca di se stesso. Sei tu che ci ricordi perché amiamo i supereroi!

Profilo C: Hai risposto ‘c’ a tutte le domande? Sei Tony Stark ovvero Iron Man ovvero un genio milionario che si diletta a fare il supereroe: chi sta meglio di te? I tuoi compiti per l’estate: rivedere Iron Man 1, 2  e 3 e cercare il cameo di Spider-Man. Un indizio: ricordi il bambino del secondo film?

 

Emma Di Lorenzo