Combattere l’omofobia è possibile!

La coraggiosa storia di Constance McMillen

Sta per arrivare il ballo scolastico, Constance ha 18 anni ed è emozionata. Vuole invitare la sua fidanzata ed indossare uno smoking, è la notte che lei come tutti i suoi compagni aspettano per tutto l’anno e non vuole perdersela. Ma i sogni non sempre si realizzano e il suo è destinato ad infrangersi presto, in modo imprevedibile. Constance è incredula quando il preside le dice che non può portare una persona del suo stesso sesso alla festa, che non può indossare l’abito dei suoi sogni e che deve attenersi ad un comportamento “adeguato”. Non può crederci, eppure è così.

Constance ha 18 anni, ma un animo forte e qui inizia la sua lotta. Si rivolge agli avvocati, ma la scuola cancella il ballo e lei, agli occhi dei compagni, diventa il problema, il bersaglio, la causa di una punizione. La battaglia legale continua, ma gli eventi prendono una piega inaspettata. I genitori degli altri alunni organizzano una festa privata, segreta, a cui lei non è invitata. Parallelamente l’istituto organizza un altro ballo, fuori dalle mura scolastiche, ma, oltre a Constance e la sua ragazza, partecipano solo 6 allievi.

La discriminazione e l’umiliazione sono enormi, sui social girano le foto del ballo e lei non c’è. Constance voleva andare ad una festa come e con tutti i suoi compagni e invece, ha dovuto combattere, non solo contro le istituzioni, ma anche contro il pregiudizio cittadino. Decide di cambiare scuola, ma non lo fa da sconfitta. L’attenzione dei media è alta, molte celebrità si schierano a suo favore, incontra Barack Obama e finalmente, dopo il processo, arriva la vittoria. La sentenza impone all’istituto di attuare immediatamente politiche di prevenzione alle discriminazioni.

Sono passati 7 anni da allora, Constance McMillen oggi è un’attivista per i diritti LGBT e nella giornata mondiale contro l’omofobia e la transfobia ispirarsi a persone come lei è fondamentale. Perché combattere la discriminazione è possibile e Constance, con il suo coraggio, a soli 18 anni, lo ha dimostrato.

 

Giuliana Mastroserio

Lascia un commento