Bulgari e il Teatro San Carlo celebrano insieme l’arte e la bellezza

Per due giorni, le creazioni Heritage di Bulgari risplenderanno negli spazi del foyer

Napoli, 18 novembre 2016 – Per due giorni, il 30 novembre e il 1 dicembre, le creazioni Bulgari risplenderanno nel foyer del Teatro San Carlo a raccontare l’evoluzione dello stile della Maison dagli anni ’20 a oggi. Nel raffinato connubio tra due realtà simbolo dell’eccellenza italiana nel mondo, i magnifici gioielli Bulgari in mostra esordiranno proprio in occasione della presentazione della serata inaugurale della stagione d’Opera e di Balletto, l’evento più esclusivo dell’anno nel quale l’arte e la mondanità animano il tempio napoletano della musica. Come il Teatro San Carlo ha mantenuto la sua forte connotazione italiana aprendo nel contempo le sue porte ad artisti di fama mondiale, così Bulgari ha saputo forgiare uno stile italiano e riconoscibile ma dall’appeal internazionale, amato dalle dive di tutto il mondo fin dall’epoca della Dolce Vita. E sempre in tema di dive e personaggi carismatici, il 30 novembre in occasione della prima dell’Otello il soprano Nino Machaidze, interprete di Desdemona, indosserà in scena gioielli Bulgari contemporanei, rappresentativi dei segni iconici della Maison.

L’iniziativa al Teatro San Carlo vuole essere anche un omaggio alla città che per prima apprezzò il talento del fondatore della Maison, l’argentiere greco Sotirio Bulgari, appena arrivato in Italia alla fine del XIX secolo in cerca di fortuna. Proprio nel 1881 a Napoli, in Piazza dei Martiri, Sotirio aprì infatti un piccolo negozio assieme a un socio suo connazionale. Il destino lo condurrà poi a Roma dove nel 1884 aprirà il primo negozio interamente suo in Via Sistina, seguito nel 1905 dal celebre negozio in Via Condotti.

Lucia Boscaini, Brand and Heritage Curator di Bulgari, ha così commentato: “ Siamo molto orgogliosi di collaborare con il Teatro San Carlo in un’occasione così speciale. Questo connubio è il frutto di un’affinità particolare: un teatro dalla storia illustre apre le sue porte a una Maison che ha segnato con la sua creatività innovativa la storia della gioielleria, ed entrambe le realtà sono fortemente proiettate nel futuro. Le nostre creazioni non potevano trovare una cornice migliore, accolte dagli spazi sontuosi del Teatro d’Opera più antico d’Europa”.

Le creazioni degli anni ’20 e ’30 esposte nel foyer presentano le caratteristiche forme geometriche dell’Art Déco e il tipico abbinamento di platino e diamanti all’epoca molto di moda.

Negli anni ’40, la sobrietà del periodo post bellico impone l’uso dell’oro giallo che per Bulgari, lungi dall’essere un limite, diventa il materiale d’elezione ma soprattutto la tavolozza ideale per le audaci combinazioni cromatiche che renderanno celebre la Maison.

A partire dagli anni ’50 Bulgari sperimenta infatti degli accostamenti inediti di pietre colorate con taglio cabochon, appositamente scelto per valorizzarne le tonalità rispetto alle gemme sfaccettate più comunemente in uso. A illustrare una ricerca stilistica che poi diverrà un tratto distintivo della creatività Bulgari, una magnifica collana in oro bianco con meravigliosi rubini per un totale di oltre 200 carati.

L’altissima expertise artigianale della Maison emerge da una spilla floreale tremblant in platino e diamanti degli anni ’60: grazie a una speciale molla applicata sul retro, i petali vibrano seguendo i movimenti del corpo, brillando così di una luce intensissima.

Non mancheranno naturalmente le icone del design Bulgari, le creazioni untitled-designSerpenti e Monete, a illustrare come Bulgari abbia saputo rivisitare temi e motivi antichissimi in chiave altamente contemporanea. Simbolo di seduzione e rinnovamento, l’eleganza avvolgente del serpente si accende delle vivide tonalità degli smalti o incanta con la maglia lucida Tubogas, ancora oggi sorprendentemente attuale. Le monete antiche montate su gioielli, un’usanza che risale al I secolo d.C., vengono adottate da Bulgari fin dagli ‘anni 30 per adornare oggetti preziosi come il porta-sigarette in oro esposto al San Carlo, per poi essere valorizzate con maggiore impulso nella metà degli anni ’60 sui gioielli, complice la passione per la numismatica di Nicola Bulgari, nipote del fondatore Sotirio. Il gusto eclettico nella scelta degli esemplari, valorizzati al pari delle gemme, si evidenzia nella collana che monta una moneta americana del XVIII secolo e negli orecchini con monete del III secolo a.C., così distanti nel tempo eppure così esteticamente compatibili.

Il viaggio nello stile Bulgari prosegue negli anni ’70, quando la sperimentazione con i materiali, da sempre presente nella Maison, diviene ancora più audace e porta ad abbinare, come nelle creazioni esposte al San Carlo, l’onice e il corallo all’oro e ai diamanti in un sapiente gioco di contrasti.

I volumi geometrici e oversize della moda degli anni’80 si rispecchiano nel sontuoso girocollo con smeraldo cabochon, perle e rubini in cui gli elementi decorativi dalle forme arrotondate sono integrati nella compatta struttura del gioiello.

Gli anni ’90, infine, si aprono con la giocosa collezione Naturalia, in cui pietre preziose artisticamente sagomate danno vita a graziosi pesciolini multicolore.

I gioielli in mostra al San Carlo fanno parte della Collezione Heritage di Bulgari, attualmente composta da oltre 700 creazioni che vanno dalla fine del XIX secolo a oggi e custodita a Roma negli Archivi Storici della Maison. Protagonista di mostre e retrospettive Bulgari in tutto il mondo, la Collezione Heritage è in costante crescita grazie ai riacquisti dalle aste o dai collezionisti privati. Questa intensa attività di ricerca consente spesso di scoprire veri e propri tesori nascosti, pezzi unici altrimenti difficilmente rintracciabili e la cui esistenza è a volte documentata dai soli bozzetti presenti in archivio.

Dopo un’anteprima riservata alla stampa e agli ospiti del Teatro San Carlo prevista alle ore 18,30 del 30 novembre, la selezione esclusiva potrà essere ammirata la sera stessa da tutti gli spettatori dell’Otello nel corso dell’intervallo. Il 1 dicembre sarà visibile su prenotazione contattando il negozio Bulgari di Napoli in Via Filangieri.

 

Ufficio Stampa Bulgari Italia

Maria Paola Traldi Rosaria Rapali

mariapaola.traldi@bulgari.com; rosaria.rapali@bulgari.com

02 76004411

Lascia un commento