Antonella Gramigna: La vita scorre, spesso in classe economica

#Storiediquarantena

Antonella Gramigna

Potrei intitolarla così questa fase della vita. Quella che ci ha visto sbattuti di colpo come un polpo sullo scoglio, tutti. Sorpresi, increduli all’inizio, preoccupati all’inverosimile, più tardi.

Un incubo che ricorderemo come la catarsi dell’umanità.  E la speranza, intima e profonda, è che davvero possa servire come un bisturi che apre la pustola infetta dell’umana specie. Brutto a dirsi. Perché ne faceva sicuramente a meno.

Sono dell’idea, che mai nulla arriva per caso. Tutto è geometria perfetta di un disegno più grande che a noi mortali non è dato conoscere. Se non per avvertimenti che ben pongono in luce l’errore. Perché c’è, l’errore. E non è quello del virus che scappa dal pipistrello, bensì quello di una società basata sul personalismo e interessi privati.

” Vita mea, e nessun interesse per il prossimo”.

Ad un certo punto dell’esistenza, nel bel mezzo di ciò che uso definire “il tempo della perdita” arriva lo tsunami e ci vede a reinventarci la vita.

Era lì, nascosto da qualche parte ad osservare, a capire se riuscivamo da soli a sollevare quel coltrone ben spesso che abbiamo ( più o meno tutti) indossato. Chi per proteggersi, chi per nascondere le proprie malefatte. Ecco che, d’un tratto, siamo chiamati a rispondere di noi. A chi? Paradossalmente a noi stessi.

Quanti davvero si sono guardati allo specchio, non lo so. Non c’è statistica. Ma sono certa che, come accaduto a me, è accaduto a tanti altri.

È il tempo della riconoscenza, della comprensione, della consapevolezza, del cambiamento del cuore. Se non ci daremo questa opportunità, questo virus si ripresenterà più potente. E sarà ancora più devastante.

È il tempo del sorriso al vicino di casa, abbandonando l’ascia di guerra sullo zerbino.

È il tempo degli occhi che rincuorano, del rispetto e dell’amore.

È questo, il tempo giusto. Non sprechiamolo.

Antonella Gramigna

Instagram

Scrittrice | Opinionista

Leggi Anche ### RAIMONDO ROSSI: “E POI ARRIVA IL MOMENTO”

Lascia un commento