‪“Sindrome da vibrazione fantasma”: ecco la causa e i sintomi

Vi sarà capitato di avere il telefono in tasca e sentirlo vibrare. Una volta controllato il display nessun messaggio in entrata. La sorpresa ha una definizione: “la sindrome da vibrazione fantasma“.

Avere uno smartphone significa avere il mondo nel palmo di una mano. Con un delicato tocco sullo schermo puoi prenotare un volo per New York o vedere cosa succede in tempo reale in Giappone; puoi comprare vestiti, scarpe, mandare mail di lavoro e contemporaneamente chattare con moglie e amante. Puoi modificare una foto per poi postarla su un social network, fare uno screenshot e inviarlo ad un amico su whatsapp.

Il tuo cellulare, che oramai è diventato la tua dolce metà, ti avviserà dell’appuntamento con il capo o che devi andare a prendere tua suocera dal parrucchiere. Insomma, siamo in buone mani! Ogni medaglia però ha il suo rovescio. Secondo alcune ricerche condotte su diversi studenti universitari, infatti, il 90% di loro soffre di “sindrome da vibrazione fantasma”. Cioè la sensazione che si ha di aver ricevuto un messaggio quando in realtà non è così. Non è stato il telefono a vibrare, ma il tuo corpo. Gli scienziati hanno definito questo stato: “ansia da notifica”. Lo smartphone, tenuto sempre in tasca, diventa una sorta di “parte addizionale del nostro corpo“. Ancora non sono ben chiare le dinamiche, ma si crede sia un fenomeno legato all’ansia da notifica e allo stress che l’essere costantemente connessi comporta.

Emanuela Belcuore

 

Lascia un commento