Un antidoto contro lo stress può essere la meditazione

La meditazione può aiutarci a ripristinare uno stato di benessere e di equilibrio.

Il ritmo della vita odierna, rispetto al passato, è frenetico poiché è diventato, complice la tecnologia, più veloce. Corriamo da un lato all’altro della città per recarci al lavoro, accompagnare i figli a scuola e in palestra, per pagare le bollette, per non perdere la metropolitana…

Tutto questo tran tran è portatore di ansia e di stress notevoli, stati d’animo che ci attanagliano, ci tolgono il respiro, ci inseguono continuamente diventando parte integrante della nostra vita.

Purtroppo c’è una pericolosa connessione tra un elevato livello di stress e la salute fisica, infatti ciò che agita la nostra mente ha conseguenze anche sul nostro corpo: sonno difficile, palpitazione, irritabilità, orticaria, disturbi ossessivi-compulsivi, sindrome del colon irritabile e chi più ne ha più ne metta.

Seccature che ognuno cerca di risolvere nel modo ritenuto più opportuno. Molti si affidano alla medicina o cercano una valvola di sfogo, si affidano alla religione o a tecniche particolari come la meditazione orientale, praticata non solo per rilassarsi, ma usata anche come antidoto contro le difficoltà quotidiane.

Addirittura molti neuroscienziati ritengono che la meditazione, purché fatta correttamente, possa aiutare l’individuo a ripristinare lo stato di benessere e di equilibrio.

I metodi di meditazione sono tanti, ma tutti tendono a governare la mente affinché l’individuo riesca a vivere una vita equilibrata, felice e smetta di pretendere che siano le persone o gli avvenimenti a condizionarlo; aiutano ad avere una maggior consapevolezza del proprio essere, a far ordine dentro di sé e ad avere una maggior chiarezza sui propri obiettivi.

Minimo comune denominatore delle varie tecniche di meditazione è quello di neutralizzare qualità negative come odio, apatia, invidia sostituendole con saggezza, compassione e amore poiché calmano la mente e la incanalano in uno stato di pace profonda. Il loro fine non è quello di far sparire i problemi, ma di affrontarli e riconoscerli serenamente.

 

Fabio Marino

Lascia un commento