Torino protagonista del BOCUSE D’OR EUROPA 2018

Per la prima volta nella sua storia, l’evento itinerante del Bocuse d’Or Europa si svolgerà in Europa del Sud.

Dopo la Norvegia, la Svizzera, il Belgio, la Svezia e l’Ungheria, è l’Italia – e più precisamente il Piemonte – ad essere stata scelta dagli organizzatori del concorso per accogliere la finale europea del Bocuse d’Or 2018. Una decisione che premia la volontà di uno dei Paesi del Sud Europa, forte di una tradizione gastronomica rinomata a livello internazionale, di dimostrare – al pari dei Paesi del Nord Europa, presenti fin dagli inizi del concorso – la sua capacità di essere uno degli attori chiave del Bocuse d’Or, “l’Everest” della Cucina.

Nel 2018, quindi, Torino e il Piemonte saranno al centro della scena europea dell’alta gastronomia grazie alla selezione europea del Bocuse d’Or, che si terrà a Torino l’11 e 12 giugno 2018. Per questo, dal prossimo gennaio debutteranno sul territorio due importanti progetti: partirà infatti la nuova, impegnativa tappa del viaggio del Team Italia, capitanato dallo chef Martino Ruggieri, vincitore del Bocuse d’Or Italia 2017. E sempre nel mese di gennaio prenderà avvio il Bocuse d’Or Europe 2018 OFF: un innovativo palinsesto di eventi tra cultura ed enogastronomia diffusi sull’intero territorio del Piemonte, che scandirà le tappe d’avvicinamento alla finale europea del prestigioso concorso, in programma nella città capoluogo, dove, proprio a giugno, dall’8 al 16, si terrà una settimana ricca di eventi e iniziative rivolte al grande pubblico.

Forte di una tradizione gastronomica rinomata a livello internazionale, l’Italia è pronta quindi a dimostrare le sue doti di indiscussa protagonista del Bocuse d’Or, la più importante competizione mondiale delle arti gastronomiche ideata nel 1987 dallo chef Paul Bocuse. A giugno 2018 a Torino 20 giovani chef, vincitori delle rispettive selezioni nazionali, tenteranno di aggiudicarsi il Trofeo europeo e l’accesso alla finale mondiale di Lione 2019 durante Gourmet ExpoForum 2018, nell’arena di Lingotto Fiere, alla presenza di un Presidente Onorario d’eccezione: Enrico Crippa, chef tre stelle Michelin del ristorante Piazza Duomo di Alba.

A fare da testimonial d’eccezione della tradizione enogastronomica italiana sarà il Piemonte, indiscusso protagonista, già a partire dai mesi precedenti l’evento.

Appunto ad Alba, capitale delle Langhe e cuore del territorio UNESCO rinomato per la sua tradizione enogastronomica unica, ha infatti sede il quartier generale dell’Accademia Bocuse d’Or Italia, il nuovo organismo creato ad hoc che dal gennaio 2018, sotto l’attenta guida del Presidente dell’Accademia Enrico Crippa e del Direttore Luciano Tona, supporterà le intense fasi di training del Team Italia e del candidato italiano, Martino Ruggieri, con i migliori chef italiani ed esperti di settore, per una preparazione al massimo livello, in vista dell’impegnativa sfida continentale.

Il Piemonte dispone di numerosi atout perché questa competizione diventi la vetrina ideale del più grande concorso di cucina d’Europa: molti prodotti espressione di un territorio ricco (il tartufo bianco d’Alba, la nocciola del Piemonte, la carne di fassona di razza piemontese, 9 formaggi DOP…), chef stellati (8 ristoranti con 1 stella a Torino, il Piazza Duomo con 3 stelle ad Alba e dozzine di altri in tutta la regione) e un salone di attrezzature e prodotti d’eccezione organizzato da GL events. Sarà infatti Gourmet ExpoForum ad ospitare il concorso, al Lingotto Fiere.

L’11 e il 12 giugno 2018, alla presenza dello chef italiano Enrico Crippa, presidente di questa selezione, 20 giovani chef europei, vincitori delle rispettive selezioni nazionali, tenteranno di succedere a Tamas Szell (Ungheria) nell’aggiudicarsi il Trofeo Europeo e conquistarsi così il posto per la finale mondiale del 17° Bocuse d’Or in programma nel gennaio 2019 al Sirha di Lione.

La nascita dell’Accademia Bocuse d’Or Italia nel 2017 rappresenta l’inizio di un nuovo approccio a quello che è il più importante e meritevole concorso per chef professionisti al mondo e in cui l’Italia non ha mai dedicato il giusto valore. La necessità di portare una squadra italiana competitiva e in grado di rappresentare al meglio il nostro Paese è ormai da tempo fortemente sentita all’interno del mondo gastronomico nazionale e la sfida sarà portata avanti in maniera più organizzata e strutturata, tramite un gruppo di lavoro competente che si concentrerà unicamente sulla formazione del candidato e sulla preparazione delle difficili selezioni europee e della finale mondiale di Lione.

Dal “mare a quadretti” delle risaie tra Vercelli, ai paesaggi vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato, dal 2014 Patrimonio UNESCO, agli antichi borghi fortificati e i castelli tra Astigiano e Alessandrino, fino a Torino, capitale del vermouth e dell’aperitivo, dei gianduiotti e dei grissini: il Piemonte saprà essere vetrina perfetta dell’enogastronomia made in Italy.

Questo straordinario patrimonio enogastronomico e culturale sarà inoltre il fil rouge di Bocuse d’Or Europe 2018 OFF, articolato programma di eventi e iniziative ideato dall’Assessorato alla cultura e al turismo della Regione Piemonte e coordinato dal Circolo dei lettori di Torino e dall’Accademia Bocuse d’Or Italia, in collaborazione con i partner istituzionali dell’evento, concepito come un vero e proprio itinerario di avvicinamento dal Piemonte a Torino, che esplorerà il legame tra patrimonio culturale ed enogastronomico con un palinsesto di eventi che si snoderà attraverso storia, arte, letteratura, cinema, design e creatività.

 

Anna Pernice
www.travelfashiontips.com

43 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *