Pickable, l’app dove la donna “invisibile” sceglie l’uomo

di Fabrizio Brancaccio

 

Una donna si lascia corteggiare solo da chi ha già scelto. Sarà questo l’aforisma che avrà ispirato Clémentine Lalande, 36enne ingegnere e investitrice francese, fondatrice di Pickable, piattaforma di dating on line dove il controllo della situazione ce l’hanno le donne.

Come funziona l’app.

Le utenti di Pickable sono invisibili, sono loro a decidere come e quando manifestarsi. Hanno la possibilità di sbirciare tra i profili maschili esistenti, scegliere quelli più interessanti e avviare una sessione di chat con l’uomo che abbia eventualmente accettato l’incrocio. Un cuore per apprezzare e una croce per andare oltre. Il gioco è semplice.

Visto lo sbilanciamento incredibile che c’è in molti campi, incluso quello degli appuntamenti, era necessario progettare un sistema che restituisse alle donne il controllo assoluto” afferma Lalande.

Ma non è paradossale sostenere di aver restituito il potere alle donne costringendole poi in un nascondiglio virtuale?

Le donne sono spesso soggette a pressioni di ogni tipo: foto di nudo non gradite ricevute a mezzo chat, continue richieste di incontro e contenuti inutili – afferma Lalande – dunque noi non le nascondiamo, semplicemente restituiamo loro il potere di essere invisibili finché lo desiderano invertendo la logica sulla base della quale funzionano tutte le app di incontri su internet”.

Nessuna foto, nessuna biografia, nessun profilo pubblico per le ragazze. Un mantello protettivo contro le molestie digitali o l’eventuale imbarazzo di imbattersi in amici o parenti.

E gli uomini? Devono impostare un profilo, curarlo e tenere d’occhio le statistiche. Più alto sarà il loro ranking e maggiormente il profilo verrà proposto alla platea femminile. Pickable gioca sullo spirito di competizione dell’universo maschile.

I maschietti, dopo aver deciso quanto rendere appetitoso il proprio account, potranno sostenere il modello di business accettando o meno due opzioni disponibili: il paywall, un blocco dopo il quale non sarà più possibile ricevere richieste di connessione dalle donne interessate a meno di non pagare un certo abbonamento; l’opzione boost, che consentirà al proprio profilo di salire in classifica per meglio mostrarsi a una potenziale partner.

L’app è disponibile per iOS, Android e desktop. Ha già superato i 250 mila download in pochi mesi e continuerà a mietere successi, soprattutto tra le donne.

Lascia un commento