A Palazzo Zevalos Stigliano, in mostra, i grandi protagonisti dell’espressionismo napoletano a Parigi

In una mostra, presso Palazzo Zevallos Stigliano, sede museale di Intesa Sanpaolo a Napoli, il rapporto, l’intesa, l’esperienza tra gli artisti napoletani di metà Ottocento, e la città di Parigi, una tra le maggiori capitali mondiali della cultura moderna.

Da De Nittis a Gemito. I napoletani a Parigi negli anni dell’impressionismo” è un viaggio alla scoperta di quel contesto di innovazione e continua crescita per il panorama artistico, rappresentato dalla capitale francese, all’indomani delle Esposizioni Universali del 1855 e del 1867.

Un contesto che accoglie, ed accompagna per quel che sarà la propria crescita professionale gli autori esposti, attraverso le opere che ne hanno segnato il percorso artistico.

L’espressività di Giuseppe Palizzi, la pittura storica di Domenico Morelli e Gioacchino Toma. E poi Francesco Netti ed uno dei maggiori rappresentanti della corrente impressionista Giuseppe De Nittis. Pugliese di nascita ma napoletano di adozione, Nittis è uno degli artisti di maggior rilievo dell’epoca, stabilitosi definitivamente a Parigi, ne poté assorbire al meglio tutta l’energia e la carica artistica. Tra le sue opere di maggior impatto, esposte in mostra, “Sotto il Vesuvio”, una rappresentazione della sua testimonianza dalla città di Portici, dell’eruzione del vulcano partenopeo del 1872.

Grande spazio inoltre, per Antonio Mancini, assiduo frequentatore del salotto di De Nittis, attraverso l’esposizione dei suoi “L’autoritratto nello studio”, “Bacco” e “L’enfant dans un grand fauteuil”.

Infine, l’ultimo spazio del percorso espositivo è dedicato allo scultore Vincenzo Gemito, probabilmente il più grande rappresentante della stagione naturalistica di fine secolo. In esposizione, tra gli altri, i suoi “ritratti “di Francesco Paolo Michetti, Domenico Morelli e Giuseppe Verdi, ed i bronzi “Il pescatore” e “Acquaiolo” in cui è viva, evidente, netta, l’assoluta capacità di far proprio, attraverso la scultura, l’immagine o il soggetto rappresentato.

 

Paolo Marsico

Lascia un commento