L’arte gastronomica dello chef Pasquale Palamaro incontra la storia con “Esperienze borboniche”

di Davide Milone

Ultimo appuntamento per la kermesse “Esperienze Borboniche” che si è tenuta presso l’Archivio Storico di Napoli, ristorante e premium bar in via Scarlatti. “Estate dei Borbone” è la serata dedicata ai Borbone e alle loro residenze estive, nelle quali Re e Regine del Regno trascorrevano il tempo libero.

Così le quattro residenze: la Reggia di Quisisana, il Palazzo Reale di Ischia, la Reggia di Caserta e la Reggia di Portici, sono ispirazione per i piatti dello chef stella Michelin Pasquale Palamaro.

Tali ricette o semplicemente gli ingredienti sono connessi alle residenze borboniche “Il Falconiere” (spigola fritta, ravanello marinato, fiori e zucchine); “Un calamaro per una Genovese” (spaghetto mantecato con genovese di calamaro); Crepinette di vitello, zafferano, provola e pinoli; “Alì Babbà” (babà al rum e crema al cardamomo). Ai piatti, sono stati abbinati tre vini prodotti nei Campi Flegrei, dall’azienda Carputo, introdotti dal delegato AIS Napoli, Tommaso Luongo.

“Lapilli”, una Falanghina extra dry metodo charmant; una Falanghina Campi Flegrei D.O.P.; e un Piedirosso Campi Flegrei D.O.P.

L’evento è divenuto occasione per provare l’ultimo cocktail dell’Archivio Storico che porta la firma di Salvatore D’Anna, bar manager, “Negroni all’aria di mare”, spirito botanico, un vermouth, un liquore d’aperitivo e un bitter. La particolarità è che è bianco, diversamente dal canonico rosso. Il drink viene servito con “aria di mare”.

 

ph Paola Tufo

Lascia un commento