Italiani dall’ester(n)o e all”interno: il nostro meglio ai festival di cinema e in sala

In Italia è la polemica a fare ‘notizia’, soprattutto in ambito cinematografico. Mentre ancora si discute della candidatura del nostrano “A Ciambra” di Jonas Carpignano come proposta italiana agli Oscar, è tempo di dare buone nuove.

Alla trentesima edizione del “Tokyo Film Festival“, che si terrà dal 25 ottobre al 3 novembre, sarà “Il cratere”, di Silvia Luzi e Luca Bellino, a rappresentare l’Italia come unico film in concorso.

Dall’estero agli interni, il passo è breve e lo stivale indissolubilmente unito, sotto il segno della settima arte. Dalla Campania alla Lombardia e alla Toscana, la FilmaP di Arci movie partecipa a “Visioni dal mondo” (Milano 7 ottobre) e al Festival dei popoli” (Firenze 14 ottobre). Questa realtà partenopea, che profonde particolari energie nella formazione, rappresenta un interessante esempio di futuro sostenibile nel campo.

Seguiamo però anche il percorso inverso: più di un film, proveniente dai più prestigiosi Festival del 2017, è in sala in questi giorni. “L’intrusa” di Leonardo Di Costanzo, presentato a maggio scorso a Cannes, e “L’equilibrio” di Vincenzo Marra, reduce dal successo di Venezia 74, sono tra gli imperdibili di questa settimana al cinema. E, ancora, il nostro favorito, quell'”Ammore e Malavita” che ha fatto ballare anche i critici più seri durante la proiezione stampa a Venezia, al cinema da giovedì scorso. Qui la recensione del film > http://bit.ly/2yw4E2B

Ve li consigliamo vivamente. Per “Blade Runner 2046” ci sarà tempo.

Adesso è il momento di sostenere i ‘nostri’.

 

Emma Di Lorenzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *