Harry Potter, Il Volo, Alvaro Soler e tanti artisti per il Noisy Naples Fest

Mario Floro Flores, Presidente della Come On Web , ha presentato ufficialmente il programma della prima edizione del Noisy Naples Fest, di cui è Direttore Artistico e ideatore. La rassegna si terrà all’ETES Arena Flegrea e prevede 13 eventi unici in Italia, pronti a soddisfare i gusti di un pubblico eterogeneo.

Il primo appuntamento è per venerdì 2 giugno con Harry Potter e la Pietra Filosofale, la cui proiezione sarà accompagnata da 85 elementi dell’Orchestra Italiana del Cinema che suonerà all’unisono sulle scene del film. Si tratta dell’unica tappa nel Sud Italia del Cine-Concerto, diretto da Justin Freer (presidente della Cine-Concerts e ideatore del progetto dei cine-concerti dell’intera saga) e che ben caratterizza l’aspetto internazionale della manifestazione.

La stagione continua con il concerto de Il Volo il 10 Giugno, Jarabe de Palo il 14 Luglio, Nek il 20 Luglio, Alvaro Soler il 22 Luglio, LP l’1 agosto e Justice il 3 settembre. Si chiude, cambiando completamente genere musicale, con Il Barbiere di Siviglia dal 15 al 17 Settembre e con il Balletto Cenerentola il 23 e 24 Settembre in collaborazione con il Teatro di San Carlo.

Floro Flores, emozionato ed orgoglioso, presenta così la rassegna: «Finalmente Napoli ha un grande luogo per la musica, per questo parte il Noisy Naples Fest, che ha l’ambizione di diventare il festival di musica stabile della città di Napoli, sulla falsariga di grandi eventi come quelli che si svolgono a Lucca, Firenze, Taormina e Verona».

L’iniziativa, che comincerà il 2 giugno con una conclusione settembrina, è variegata e spazia tra vari generi musicali. «Abbiamo scelto – continua Floro Flores – un cast artistico trasversale dal pop alla musica elettronica dei Justice, fino alla musica classica. Napoli nel mondo è considerata una città rumorosa per il traffico o le grida nei mercati e noi pensiamo a quel rumore, dandogli una direzione artistica. Il festival sarà un’occasione per tutti di apprezzare le serate anche grazie ai prezzi accessibili».

L’obiettivo per le prossime edizioni è di continuare ad ospitare grandi show per attirare turisti stranieri e pubblico da altre zone della Penisola, in quanto, come dichiara il direttore artistico: «Napoli è ormai un luogo di interesse internazionale e merita un festival internazionale di musica».

 

Gabriella Galbiati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *