Giacomo Luongo e la sua raffinata cucina mediterranea

Li dove gli alberi di pino più famosi al mondo (collina di Posillipo) hanno ispirato pittori, fotografi e poeti, d’innanzi a un panorama unico del golfo di Napoli, a pochi passi dall’entrata del parco Virgiliano, si erge la Villa Lucrezio, evoluzione del famoso locale storico “Le Cascine”, oggi prestigiosa location di eventi mondani.

La struttura vanta ampie e lussuose sale in stile classico e moderno ideali per eventi,meeting e cerimonie.L’area glamour all’aperto è distribuita su terrazze e regala in un sol colpo d’occhio la bellezza del mare che rispecchia l’imponente Vesuvio e l’isola di Capri che fanno da cornice al golfo di Napoli.La villa il cui nome richiama i versi del poeta e filosofo Tito Lucrezio Caro è un luogo unico dove si respira un’atmosfera di eleganza e raffinatezza.

La grande cucina per eventi, affidata allo chef Giacomo Luongo, propone una ricerca gastronomica mai banale ma sempre sorprendente,caratterizzata dall’utilizzo di materie prime d’eccellenza, che fondono armonicamente il passato ed il presente, della cucina mediterranea- creativa.

Giacomo non scorda mai le sue origini Campane e il duro inizio nelle cucinenel Trentino e in Sardegna, la notoria “gavetta”.La determinazione a crescere e la volontà d’impararelo portano nel 2003 a lasciare le cucine del Cenacolo Belvedere di Napoli, per approdare a quelle del rinomato Hotel Excelsior sul molo partenopeo, passando successivamente all’Hotel Vesuvio e intrattenendo poi importanti collaborazioni in ambito internazionale. Nel 2016 affiancalo Chef stellato Davide Oldani in occasione delle Olimpiadi a Rio de Janeiro, nel progetto Casa Italia, simbolo di integrazione enogastronomicatra Brasile e Italia.

Da queste e da precedenti esperienze, nascono una passione, una fermezza, una tenacia, ed una costanza, per la cucina, ma anche per la pasticceria, trovando ispirazione, come un gioco in costante fermento del suo amato mare.

Riapproda successivamente alla cucina di Villa Lucrezio, dove anni addietro appena uscito dalla scuola Alberghiera,mosse i primi passi tra pentole e padelle. Oggi è executive chef al comando di una intera Brigata a Villa Lucrezio.

 

Davide Milone

Lascia un commento