È l’ora dell’amore

 

di Valentina de Maio sessuologa e psicoterapeuta di coppia

Esiste un momento “ideale” per fare sesso? Noi esseri umani siamo abituati a scandire tutto con orari e regole, e molto spesso ci chiediamo se anche per il sesso ci sia un momento adeguato. Ogni coppia ha i suoi tempi e le proprie abitudini, in ogni caso il momento più propizio sembra essere il mattino, prima di alzarsi dal letto. Ad affermarlo sono alcune ricerche condotte da esperti di cronobiologia, lo studio dei fenomeni ciclici negli organismi viventi e il loro adattamento ai ritmi solari e lunari.

Sono diversi i motivi alla base di questa scelta. Innanzitutto gli ormoni sessuali: sembra infatti che la loro concentrazione, in particolare quella di testosterone, sia più elevata tra le 6.30 e le 7.30 del mattino. La presenza di questi ormoni favorisce il desiderio sessuale, sia negli uomini che nelle donne.

A ciò si aggiunge anche che al mattino, appena svegli, non siamo ancora stati coinvolti, o travolti, dai problemi quotidiani. Se c’è meno stress, il sesso ci guadagna.

Il sesso mattutino poi ha anche altri vantaggi: alcuni studi hanno dimostrato che è un buon modo per mantenere unita la coppia, cominciare la giornata con un rapporto sessuale predispone all’ottimismo e al buon umore, riducendo in partenza lo stress e le tensioni che si accumuleranno durante la giornata lavorativa.

Complici gli ormoni, a trarre beneficio dall’amore mattutino sarebbe anche le capacità di concepimento: la mente ancora ottenebrata dal sonno, il corpo rilassato e i nervi distesi incoraggerebbero l’abbandono psicofisico, mentre il livello basso di zuccheri nel sangue faciliterebbe il dimagrimento e la produzione della serotonina garantirebbe il buonumore per le ore successive.

Per coloro che hanno intenzione di concepire un bambino è quindi consigliabile puntare la sveglia al mattino prestissimo, poiché dai dati di una recente indagine emerge che nelle prime ore del giorno si verifica il picco massimo di ormone LH, implicato nell’ovulazione e in grado di influenzare la produzione di testosterone.

Infatti è proprio durante le prime ore del giorno che fisiologicamente si registrano livelli più alti di testosterone, contribuendo a spiegare la predilezione maschile per il sesso mattutino.

A chi sente il bisogno di un po’ di relax è consigliato il sesso dopo pranzo, momento in cui, forse complice la fase digestiva, questa attività sembra avere effetti particolarmente rilassanti.

Più focoso, invece, il sesso nel tardo pomeriggio, quando il nostro organismo conoscerebbe l’apice della propria forza ed energia. Tra le 14:00 e le 16:00 infatti i muscoli raggiungerebbero la loro massima efficienza e i sensi sarebbero ipersviluppati, garantendo il piacere con uno sforzo minimo.

Momento dell’intimità per antonomasia è la sera tardi, quando la giornata giunge al termine e niente può disturbare la coppia. Un momento di vicinanza può trasformarsi in intimità in cui ritrovare il contatto epidermico: incominciando a giocare insieme al partner, lentamente si potrà scoprire il piacere. Cucinare fianco a fianco o la doccia insieme sovvertono la routine e accendono il piacere con dolcezza. Per una coppia consolidata rubare all’organizzazione della giornata qualche minuto per l’amore ha un valore in più: imparare a trasgredire anche nella quotidianità!

 

 

 

Lascia un commento