Continua il viaggio di “Dorian Gray. La bellezza non ha pietà”

Dopo il successo al Teatro San Carlo di Napoli, “Dorian Gray. La bellezza non ha pietà”, spettacolo di teatro musicale prodotto da Pierre Cardin, vola al Teatro La Fenice di Venezia per completare la sua lunga tournée.
Della sorprendente ed emozionante esperienza napoletana, Rodrigo Basilicati, che cura la direzione artistica e la scenografia della pièce, dichiara: “Eravamo preparati e sapevamo di entrare in un teatro meraviglioso e di trovare un popolo abituato alla grande arte e per noi tutti è stata una grande esperienza. Il Teatro San Carlo ha una storia tangibile ed il pubblico partenopeo ci ha regalato tanto calore, applaudendo alla fine di ogni canzone. Questo ci ha riempito il cuore di gioia”.
Purtroppo Monsieur Cardin, zio di Basilicati, non è potuto essere presente alle repliche napoletane: “Mio zio voleva venire ma glielo hanno sconsigliato. Prima di andare in scena, ci ha chiamato e con molto rammarico ci ha annunciato di non poter venire. Ma gli parlerò del Teatro San Carlo e dell’amore che il pubblico ci ha dimostrato”.
L’attore Federico Marignetti e il danzatore Marco Vesprini hanno avuto un buon riscontro dagli spettatori presenti in sala. “Una bella risposta – continua Basilicati – per il protagonista. Il TeatroSan Carlo ha un’energia che gli artisti percepiscono e ho constato che Marignetti si è molto caricato di questa energia. È stato molto apprezzato dal pubblico anche come è stato trattato il tema della bellezza interiore ed esteriore. Inoltre, le serate sono state dedicate alla lotta ai tumori, assegnando parte dell’incasso alla Fondazione Santobono Pausilipon Onlus e alla LILT”.
Infine Basilicati ci ha svelato che per le serate a Napoli Daniele Martini, autore e compositore dello spettacolo: “ha creato un finale diverso che è piaciuto agli artisti. A Napoli la pièce ha trovato la sua forma definitiva e ora stiamo lavorando per organizzare una tournée all’estero e in particolare nei paesi anglosassoni”.
La Redazione

Lascia un commento