Claudia Cardinale legge il cinema al Social World Film Festival

Il volto giovane, simbolo di bellezza e di una carriera scintillante, come quella dell’attrice Claudia Cardinale, campeggia sulla locandina della 7a edizione del Social World Film Festival. Quest’anno, infatti, la musa di Luchino Visconti, Federico Fellini e Pasquale Squitieri riceverà il Premio alla Carriera e verrà celebrata con tutti gli onori che una vera diva del cinema merita.

Così, venerdì 28 luglio la Cardinale si racconterà attraverso le fasi della sua carriera nell’Arena Loren di piazza Mercato, recitando alcuni passi dei più celebri film nazionali ed internazionali. Le verrà anche dedicata una retrospettiva con la proiezione di 8 e mezzo, Il Gattopardo, I guappi e sarà insignita del titolo di Ambasciatrice del Museo del Cinema della Penisola Sorrentina. Inoltre, firmerà il Wall of Fame, monumento al cinema che custodisce i calchi in bronzo degli autografi dei più grandi artisti passati al festival.

«Il Social World Film Festival ha avuto da sempre un’atmosfera “magica” – così Giuseppe Alessio Nuzzo, direttore generale e regista – Un festival che è partito, come tutte le cose belle e genuine, da un’idea astratta, un sogno che poi è diventato una “magica” realtà. A rendere concreto questo sogno sarà la partecipazione dell’icona del cinema mondiale, Claudia Cardinale».

La serata verrà aperta dalla proiezione del film Mine di Fabio Guaglione e Fabio Resinato (Usa/Italia/Spagna, 106’), la presentazione del teaser del documentario sulla storia di Capone & Bungt Bangt, ed un omaggio a Gian Luigi Rondi.

Alla Sala Troisi del Teatro Mio prosegue il Concorso Internazionale – Giuria Giovani con la proiezione dei lungometraggi in concorso con dibattiti alla presenza dei protagonisti: dalle 10 Orecchie di Alessandro Aronadio (Italia, 90’) e Il crimine non va in pensione di Fabio Fulco (Italia, 87’) e alle 17 Saawan di Farhan Alam (Anteprima europea – Pakistan, 138’).

Al Museo del Cinema per il Concorso Internazionale – Giuria Doc dalle 17 Strane Straniere di Elisa Amoruso (Italia, 72’), Mirko di Stefano Sbrulli (Anteprima assoluta – Italia, 5’), Sunday di Danilo Currò (Italia, 20’), Samosely I sopravvissuti di Chernobyl di Massimo Staiti (Ucraina, 60’).

Al Complesso Monumentale S.S. Trinità e Paradiso dalle 17 per il Concorso Internazionale – Giuria Ragazzi la proiezione di The man who forgot to breathe di Saman Hosseinpour (Iran, 15’), The cloud and the whale di Tomilova Alyona (Russia, 4’), Beauty building di Benoit Bargeton [Anteprima italiana] – Francia, 6’), Lunch time di Alireza Ghasemi [Anteprima italiana] – (Iran, 15’), Goodbye love di Antonello Novellino (Spagna, 12’), Tanguito argentino di Joaquin Braga (Argentina, 8’), Tantalum di Johannes Richard Voelkel (Germania, 5’), (IN)Felix di Maria Di Razza – (Italia, 10’), Lurna di Nani Matos (Spagna, 15’), Uomo in mare di Emanuele Palamara (Italia, 15’), Mi Amigo Naim di José Luis López Ortiz (Spagna, 12’), Whoever was using this bed di Andrew Kotatko (Australia, 20’).

Stasera per Vico Jazz dalle 23 si esibiranno i “Marco Ferri meet Hammond Groovers” con Marco Ferri, Daniele Cordisco, Antonio Caps, Elio Coppola.

Il Social World Film Festival si inserisce nel più ampio progetto della Città di Vico Equense “Promorecupevalorizza Penisola”, candidato ai POC 2014-2020 finanziati dalla Regione Campania.

 

Gabriella Galbiati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *