Boldi e De Sica “amici come prima”, perché “si ritorna sempre dove si è stati bene”

di Chiara de Cristofaro

Dopo 20 anni di collaborazione e una lunga “pausa di riflessione” durata 13 anni, una delle coppie d’oro del cinema italiano, quella formata da Massimo Boldi e Christian De Sica, ritrova l’intesa e torna protagonista, insieme con Maurizio Casagrande, nel film delle feste natalizie “Amici Come Prima”, diretto dallo stesso Cristian De Sica con l’aiuto del figlio Brando.

I due attori, incontrati alla conferenza stampa di presentazione del film al Grand Hotel Vesuvio di Napoli, tengono a precisare che “non si tratta del solito cinepanettone ma di una commedia all’americana, con situazioni movimentate e un filo conduttore ben definito, mantenendo comunque scene  e citazioni tipiche della nostra comicità che il pubblico si aspetta di rivedere”.

“E’ un film diverso dal solito – spiega Boldi – anche perché ci sentiremmo un po’ ridicoli a fare film con i personaggi di 20 anni fa. La nostra intesa era così collaudata che abbiamo immediatamente ritrovato l’entusiasmo di sempre, come se il tempo non fosse mai passato”. Entrambi infatti smentiscono le voci su presunti litigi che li avrebbero allontanati: “Il nostro rapporto personale non si è mai incrinato – conferma De Sica –semplicemente Massimo aveva firmato un contratto in esclusiva con la Medusa e io con la FilmAuro di De Laurentiis”.

“In Italia però – tiene a precisare De Sica – gli attori non più giovani non sono valorizzati abbastanza, rispetto a quanto accade ad esempio negli Stati Uniti oppure in Inghilterra, paesi in cui l’importanza di un attore anziano viene sempre apprezzata e riconosciuta”.

L’attore-regista aggiunge che lui stesso, in ogni caso, sta facendo conoscere nuove e giovani promesse del cinema che, pur senza significative precedenti esperienze, si rivelano spesso sorprendenti come ad esempio Francesco Bruni che nel film interpreta il figlio Matteo.

Nuovo ciclo anche per la vita privata di De Sica, che durante la conferenza stampa annuncia di volersi trasferire per una parte dell’anno da Capri a Castellammare di Stabia, complice una serie di belle emozioni e ricordi familiari.

L’attore confessa infatti di sentirsi “a casa” a Napoli e in costiera, avvertendo un affetto e un’affinità verso quella popolazione e quel territorio che non hanno eguali. “Per questo ho comprato una piccola imbarcazione e ho deciso di venire a vivere a Castellammare di Stabia, così come sognava mio  padre”.

Un ritorno alle origini anche qui, così come al cinema, dunque?

Amici come prima – La storia

De Sica è Cesare, direttore del lussuoso hotel di Milano Relais Colombo di proprietà di Massimo Colombo (Massimo Boldi) che, a causa dell’incombente vecchiaia, è succube delle decisioni di sua figlia Luciana(Regina Orioli). Con l’arrivo di nuovi soci cinesi, intenzionati a rivoluzionare tutto, Luciana dà il via a vari licenziamenti, dei quali Cesare è la prima vittima, con l’obiettivo di prendere il controllo dell’azienda, e per farlo è disposta a pagare 5.000 euro al mese una badante che possa arginare l’arzillo padre. Rimasto senza lavoro, Cesare, aiutato dall’amico Marco(Maurizio Casagrande), assume le sembianze dell’affascinante Lisa e riesce ad ammaliare l’ingenuo Massimo. Da qui esilaranti imprevisti e situazioni equivoche

Lascia un commento