Tra le migliori etichette di novembre il Barolo si conferma il più apprezzato.

Top 10 rossi di Davide Milone

Con due etichette su dieci, è il Barolo la denominazione regina tra i vini rossi più apprezzati del mese di novembre.

Un risultato che consente al Piemonte di eguagliare il primato della Toscana, regione sempre saldamente in testa alle preferenze dei nostri clienti, in fatto di rossi.

I due Barolo, Gemma e Borgogno, provengono entrambi da Serralunga d’Alba; mentre il terzo piemontese è “L’Altra” di Banfi, una Barbera fresca e piacevole, con una bella struttura che la rende perfetta per ogni tipo di occasione.

La Toscana mette in campo tre etichette iconiche di diverse denominazioni: il Bolgheri “Bruciato” della tenuta Guado al Tasso di Marchesi Antinori, da sempre tra i più amati; il Brunello di Montalcino della Fattoria dei Barbi; e il Chianti Classico Riserva “Il Grigio” di San Felice. Seguono il nuovo Amarone della Valpolicella Classico di Fabiano e il Primitivo di Manduria Riserva Anniversario 62 di San Marzano.

Chiudono la classifica due vini dallo straordinario rapporto qualità-prezzo recentemente insigniti dei Tre Bicchieri dalla guida del Gambero Rosso: il Lambrusco Reggiano “Marchese Manodori” di Venturini-Baldini e il Lago di Caldaro Superiore “Pfarrhof” di Kaltern.

Lascia un commento