Alla scoperta del Nord della Thailandia

Quando si pensa alla Thailandia la prima cosa che viene in mente è il mare e le isole a sud della penisola. Eppure è una terra di grande scoperta ed estremo fascino.

Partendo da Bangkok e dirigendosi a nord del paese si trovano numerosi villaggi tipici, risaie, templi e natura incontaminata.

Possiamo partire da Chiang Mai, la più grande città, anche dal punto di vista culturale, della Thailandia del nord, che insieme a Chiang Rai fa parte del cosiddetto Triangolo D’Oro, la regione montagnosa che si trova a cavallo del nord della Thailandia, del Laos e del Myanmar, e che è attraversata dal fiume Mekong, un tempo famosa per la produzione dell’oppio. Si trova a circa 700 km da Bangkok ed è situata vicino alle montagne più elevate del paese (Doi Intanon) ed è percorsa dal fiume Ping che è anche il principale affluente del Chao Phraya River che attraversa Bangkok.

La città conta più di 300 templi (quasi quanti Bangkok), caratteristica questa che le conferisce un fascino particolare. Subito fuori dal centro abitato si stagliano i 1676 mt. del monte Doi Suthep, sede dell’omonimo, magnifico tempio che sembra vegliare sulla città oltre ad offrire un paesaggio unico soprattutto al sorgere e al calare del sole. Molti viaggiatori si fermano a Chiang Mai più di quanto previsto inizialmente, rapiti dal suo fascino, dall’atmosfera incantata che vi si respira e dalla deliziosa cordialità della popolazione locale. Oltre a questo la Capitale del Nord offre ai visitatori un numero sempre crescente di esperienze culturali e spirituali tra cui corsi di massaggio, meditazione e cucina Thai.

Andando più a sud, arriviamo a Lampang, nel bacino del fiume Wang. Questa provincia offre notevoli paesaggi collinari ma le sue attrattive sono più culturali che non paesaggistiche. La zona vanta una lunga storia ed è ricca di testimonianze archeologiche ed architettoniche che evidenziano l’influenza delle antiche civiltà Hariphunchai, Lanna e Birmana. In realtà la città di Lampang è stata un crocevia culturale fin dal VII secolo: dagli albori del regno Mon fino all’inizio del XX secolo, quando era un centro importante per il commercio del legno di teak. L’influenza birmana nell’architettura è predominante. Tra i monumenti da vedere vi sono numerosi templi ben conservati, caratterizzati dal tipico stile architettonico thai-birmano, mentre non lontano dal centro città si trova il tempio Phrathat Lampang Luang che è certamente tra le opere più affascinanti di tutto il nord ed il Wat Chalerm Phra Kiat, un bellissimo ed isolato tempio a 60 km a nord di Lampang collocato in mezzo ai monti a 800 km di altitudine.

Inoltre Lampang, grazie alla sua atmosfera tranquilla ed allo stile di vita piuttosto rilassato, è più tipicamente e tradizionalmente thailandese di Chiang Mai ed è cambiata poco nonostante lo sviluppo turistico.

Per chi visita la Thailandia del nord, non può mancare una sosta a Sukhothai, situata nella parte meridionale della porzione Nord del paese dove troviamo un’alta concentrazione di siti archeologici, come il Sukhothai Historical Park, sito archeologico patrimonio Unesco che conserva i modelli delle costruzioni storiche e la pianta dell’antica Sukhothai, ed il Sri Satchanalai Historical Park, anch’esso sito archeologico patrimonio Unesco dal 1991 che comprende le rovine dei templi delle antiche città di Chaliang e Si Satchanalai su una superificie di circa 45km². Si trova a circa 450 km a nord di Bangkok e a 350 km a sud di Chiang Mai.

La sua principale attrattiva naturale è il parco montano di Khao Luang. Il capoluogo di provincia, che a volte viene chiamato Sukhothai Nuova, è una piccola città che sorge sulle rive del fiume Yom, qui l’attività prevalente è il turismo che sfrutta il flusso di visitatori che vengono a vedere il vicino complesso archeologico di Sukhothai.

Il periodo migliore per visitare la Thailandia del Nord va da Ottobre a Marzo, quando il clima è più fresco e gradevole, il cielo azzurro e la natura circostante di un verde brillante.

 

Anna Pernice
www.travelfashiontips.com

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *