Alessandra Mastronardi: l’allieva e il Maestro Woody Allen

di Stefania Fiorucci

È una delle poche attrici italiane che passa con disinvoltura da un set “di casa nostra” a uno internazionale. Ha lavorato con Woody Allen e Aziz Ansari. È ambasciatrice Chanel e testimonial di bellezza del Bel Paese nel mondo. Alessandra Mastronardi colleziona un successo dopo l’altro, dando prova del suo talento interpretando personaggi sempre diversi tra di loro.

In questa stagione televisiva è stata contemporaneamente la brillante, quanto maldestra, specializzanda in medicina legale Alice Allevi ne “L’allieva 2” il giovedì sera in prima serata su Raiuno e l’amore “segreto” di Lorenzo il Magnifico ne “I Medici2”Ora l’attrice napoletana di nascita, romana d’adozione e attualmente residente a Londra, è già tornata sul set per le riprese della terza stagione dedicata alla dinastia che ha fatto grande Firenze. C

’è di che perdere la testa, ma Alessandra Mastronardi non corre questo rischio. Grazie a suo padre Luigi.

“Papà è psichiatra – racconta lei con orgoglio – e mi ha fatto comprendere che dovevo rimanere con i piedi per terra anche se le lusinghe del successo sono tante: come il fatto che ti cercano in tanti, ci sono le continue richieste di autografi e foto. L’affetto di tutta la mia famiglia, la sua solidità e la sua “normalità”, mi hanno aiutato ulteriormente. Mia mamma viene spesso a trovarmi sul set o alle conferenze stampa delle fiction che ho interpretato: mi regala una routine che mi fa bene”.

E tuo papà?

“Poche volte. Ma ce n’è una su tutte, quando Woody Allen lo ha invitato sul set dopo aver saputo che faceva lo psichiatra. Si sono parlati tanto, non ho mai saputo di cosa. E non l’ho nemmeno chiesto perché c’è il segreto professionale”:

Pensavi, quando hai girato la tua prima scena a 12 anni, che un giorno saresti stata diretta da Woody Allen?

“Mai. Anche perché mentre ancora studiavo i miei genitori mi permettevano di fare piccole cose: pubblicità e qualche posa nei telefilm. Io avevo già capito di avere la passione per la recitazione. Mi sono anche iscritta alla facoltà di Lettere e Filosofia con specializzazione Spettacolo, per quanto mi piaceva questo settore. Ma Woody Allen è stato un vero regalo del destino: decine di attori italiani hanno fatto il provino per “To Rome With Love” e a me è andata bene. Ogni giorno, finite le riprese tornavo a casa e mi dicevo: è vero, non lo sto sognando, sto girando un film con Woody Allen”. 

Alice Allevi è “contesa” da due uomini affascinanti. Alessandra Mastronardi invece è felicemente fidanzata con l’attore britannico Ross McCall.

Si e sono molto felice. Ci siamo conosciuti lo scorso anno a novembre. Abbiamo lavorato tutti e due per il film ‘Us di Stefan Schwartz girato in Italia. Viviamo a Londra, stiamo bene insieme perché mi piace la sua mentalità e ci piacciono più o meno le stesse cose”.

A proposito di Londra: come ti trovi?

“A Londra si vive benissimo, è una città tutta da scoprire e quando non sono sul set mi piace perdermi nei vari quartieri senza cercare qualcosa in particolare: tanto è lei a sorprenderti. È molto grande, multiculturale, piena di musei gratuiti che visito in continuazione. E poi non è vero che fa sempre freddo: sarò io che porto il bel tempo dall’Italia ma quest’estate è stata caldissima e anche l’autunno non è così malvagio”.

È grande amore o c’è qualcosina che non ti convince? Il cibo forse?

“Il cibo locale non lo calcolo proprio perché cucino io e anche discretamente bene. Forse non mi convincono troppo le scuole. Non so se manderei mio figlio nelle scuole inglesi. A Londra, per quanto riguarda il lavoromi trovo benissimo; dopo aver fatto la quarantena prevista, anche il mio amato gatto Brando è diventato londinese e l’amore ce l’ho in questa città. A Roma potrebbe farmi tornare solo la voglia che i miei futuri figli imparino la lingua italiana, la cultura italiana e la storia del mio paese. Perché sono londinese d’adozione ma sempre italianissima nel cuore”.

Lascia un commento