2 Ottobre, Giornata Internazionale della nonviolenza, nel giorno della nascita del Mahatma Gandhi

Tra i primi studiosi della resistenza non violenta, il Prof. Gene Sharp (filosofo, politico ed intellettuale statunitense), nella sua pubblicazione “The Politics of Nonviolent Action”, sintetizzava in questo modo il suo pensiero:”L’azione nonviolenta, è una tecnica con cui le persone che rifiutano la passività e la sottomissione, e vedono la lotta come essenziale, possono vincere il conflitto senza violenza. L’azione nonviolenta non è un tentativo di evitare o ignorare il conflitto. È una risposta al problema di come agire efficacemente in politica, in particolar modo come esercitare il potere efficacemente”.

Oggi, 2 Ottobre, si celebra la “Giornata Internazionale della nonviolenza”, il giorno della commemorazione, non a caso, è lo stesso della nascita del Mahatma Gandhi, probabilmente, la figura politica, maggiormente identificabile, storicamente con il concetto di nonviolenza.

La giornata, promossa dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel 2007, fu celebrata per la prima volta, il 2 Ottobre dello stesso anno, con l’intento di riaffermare “la rilevanza universale del principio di nonviolenza”.

L’Assemblea Generale, allo stesso tempo invita tutti i membri delle Nazioni Unite a commemorare la giornata in maniera adeguata, attraverso l’informazione e la consapevolezza pubblica, in nome di un’idea, di un concetto, quello della nonviolenza, spesso troppo lontano dalle dinamiche di coesistenza tra popoli e nazioni. Un’idea, un concetto, troppo spesso lontani dalla realtà, e troppo spesso dimenticati consapevolmente o meno, in nome della guerra e del valore e del rispetto del concetto che le si riconosce.

 

Paolo Marsico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *