I travel bloggers che ci fanno viaggiare

“Quella dei Bloggers non è una professione “etichettabile”, ognuno ha la sua essenza, ognuno ha il suo punto di vista ed ognuno ha il suo approccio alla via, però il fattore comune è la passione la curiosità di scoprire e tanta voglia di condivisione e confronto con i followers attraverso il blog ed i canali social.
Oggi è proprio tramite loro che inizieremo a scoprire il mondo dei bloggers.
In vista dell’estate iniziare dai travel bloggers, penso, sia una buona idea.
In quanti siamo alle prese con le vacanze? Ecco una cosa in cui i travel blogger riescono molto bene: è farci scoprire luoghi nuovi, farcene innamorare e ispirarci con foto instagrammabili da poter replicare.
Questo mese la mia scelta è tutta al femminile, questo mese ho deciso di parlarvi di tre splendide donne che raccontano la propria terra con il cuore.

Partiamo dal profondo SUD, andiamo nella splendida Sicilia dove troviamo Giada Pappalardo con Glamphotomix.
Giada è un concentrato di dolcezza, il suo feed ha uno stile vintage che dà ai paesaggi siciliani quel tocco romantico. Nelle sue foto non manca mai il glamour, Giada è sempre al passo con gli ultimi trend e li incastra perfettamente nella cornice dei paesaggi Siciliani che si diverte a farci scoprire e raccontare.
Se avete voglia di fare un tuffo nelle splendide acque della Sicilia, fate un giro sul suo meraviglioso blog.

Andando giusto un po’ verso nord, esattamente dopo lo stretto di Messina, troviamo Mary Sciarrone con Lo Stretto Indispensabile.
Un blog che, come dice lei “è come se per me ci fosse sempre stato”.
Alla domanda come mai questo blog, lei risponde: “Il nome di questo blog è prima di tutto un omaggio allo Stretto di Messina. Ho avuto il privilegio di svegliarmi ogni mattina avendolo sempre di fronte. C’è chi la mattina si sveglia e vede palazzi, strade trafficate o muri. Io di fronte ho sempre avuto il mare. E la Sicilia. Il mio punto fermo, quello che se una mattina mi svegliassi e non la trovassi più mi sentirei persa”.
Mary è molto concreta nei suoi viaggi, va dritto alla meta. Con il suo inseparabile bicchiere di vino, ti fa scoprire le meraviglie della Calabria. L’invito che fa sempre è di liberarsi dalle zavorre, un invito, prima di tutto a se stessa, a viaggiare leggeri prediligendo l’essenziale.

Rotolando qualche km più a nord troviamo Elisa Orlando con il suo blog in giro con Piccinaccia.
Una domanda che le viene fatta spesso, da chi non è toscano, è cosa significa.
Piccinaccia è un modo bonario per chiamare le bambine, soprattutto quelle vivaci.
Seguire Elisa in giro per la Toscana è una carezza all’anima. Elisa ti porta nel cuore della Toscana, ti fa scoprire i posti più magici, quelli dove perdersi è un piacere. Ma quello che rende speciale andare in giro con Piccinaccia è proprio il suo modo di preservare la “bimba che è in sé”. Con lei non ci si deve mai prendere troppo sul serio, l’ironia e il gioco sono delle costanti nella sua vita, due aspetti fondamentali per affrontare e godersi al meglio qualsiasi viaggio.

Maria De Santo

 

Lascia un commento